Vene d'acqua, biotester e rabdomanzia: strumenti che rendono visibili le oscillazioni della materia

Biometer Bovismeter

 

Tutto vibra. In Radiestesia l’idea è che ogni materia nello spazio irradia e oscilla ad una precisa frequenza. Ne consegue quindi che con biotester (tensori), pendoli e bacchette da rabdomante, le oscillazioni, le irradiazioni esistenti possono essere rese visibili.

Nel corso del suo processo “evolutivo” l’essere umano ha perso una gran parte delle sue capacità intuitive, cosi per molti casi deve fare riferimento ad ausili come questi della radiestesia. Ci sono naturalmente anche persone molto sensitive, che possono per esempio percepire una vena d’acqua senza ricorre ad alcuno strumento per questo, anzi dovremmo dire che è l’essere umano stesso “la bacchetta rabdomante”.

La bacchetta, tensore o biotester come la volete definite, rendono semplicemente visibile il fatto che il corpo umano reagisce a sottili tensioni muscolari.

radiestesia

La precisione dei risultati e la loro accuratezza dipendono sempre da quanto strumento e materiale usato si armonizzano con la persona che testa.

Si possono rilevare varie forme di “bacchette”. Le piu’ famigliari sono i tensori/biotester e le bacchette da rabdomante

I tensori vengono usati per rilevare per esempio queste fonti di disturbo:

  • Vene d’acqua
  • Reti di Hartmann
  • Reti di Curry
  • Eletttrosmog

Il tensore (biotester) chiamato anche la regina di tutte le bacchette… è uno strumento di test che puo’ indicare le condizioni energetiche di strutture elettriche, magnetiche e atomiche esistenti in natura. E’ composto da un manico, una antenna ed un anello.

  
Sebbene esistano sul mercato antenne con sfere o altri corpi, il produttore degli strumenti presentati su questo, basandosi sulla esperienza, ha determinato che un tensore con anello finle (in punta) è un buon apparecchio anche per cominciare questo tipo di misurazioni e soprattutto è molto maneggevole.

Radiestesia salute ambiente  Radiestesia Elettromagnetismi Naturopatia

Naturopati e rabdomanti impiegano con successo questo strumento in questi ambiti:

  • Per testare la tollerabilità di rimedi e cibi.
  • Per individuare irradiazioni patogene (fonti di disturbi come vene d’acqua, geopatie etc) per poter cosi meglio determinare la miglior posizione per dormire
  • Per testare floriterapia, cristalloterapia etc
  • E molto altro ancora.

Per vene acquifere intendiamo delle correnti sotterranee di acqua. L’acqua delle falde acquifere, defluisce attraverso vene  acquifere grandi o piccole che possono esistere a varie profondità. Le vene acquifere irradiano in senso verticale verso l’alto (irradiazione principale) , oppure a 45° da ambo i lati (irradiazione laterale) 

Le vene acquifere sono come centrifughe di ioni, che accelerano frammenti di atomo di polo positivo e zampillano verso l’alto in modo verticale. 

Se questo frammenti di atomo dalla enorme velocità, si incontrano con cellule viventi, queste ultime vengono distrutte all’istante. In questo tipo di irradiazione si parla di  irradiazione di particelle. Possiamo immaginare tutto questo come un proiettile che colpisce un palloncino pieno di acqua.

Poiché le cellule nel corpo umano hanno un alto tasso di rigenerazione e vengono sempre rinnovate, una sosta di poco tempo  sulle vene acquifere non viene ritenuta pericolosa. Ma se la sosta diventa lunga, come puo’ essere relativamente al posto dove si dorme da anni, questo puo’ avere delle conseguenze. 

Kork Abschirmmatte 1800 x 900 x10mm

Per l’intensità della irradiazione cio’ che è determinante è la dinamica di scorrimento di una vena acquifera. E’ stato dimostrato che la irradiazione di una vena acquifera è piu’ forte se il flusso è turbolento. E’ bene inoltre evitare incroci dove si sovrappongono due vene d’acqua, poiché in tal caso l’irradiazione è molto intensa.

fontehttps://www.vitalation.de/wasseradern.php
tr
aduzione Cristina Bassi per www.thelivingspirits.net

Bacchette da rabdomante telescopiche VitaLation®, fatte di acciaio inox, piegate poi a 90°. Ideali per chi deve cominciare a praticare con questi strumenti, per cercare vene d'acqua e geopatie. Nel seguito un commento di un cliente  che le ha acquistate  di recente:

"Mi ritengo molto soddisfatto per aver acquistato le "bacchette da rabdomante telescopiche". All'inizio non ero convinto ma è bastato poco per scoprire quanto siano semplici da usare e precise. Il manico è molto comodo e le bacchette sono molto sensibili. Anche mio zio  che per passione è anche rabdomante ne è rimasto colpito. Mio zio dice di essersi costruito delle bacchette da rabdomante rudimentali come quelle che utilizzavano i contadini per trovare l'acqua nei terreni. Ma anche lui ha potuto notare fin da subito la sensibilità di queste bacchette,  che gli avevo mostrato per la prima volta in aperta campagna 

Già dal primo momento mi accorsi della loro precisione: mano a mano che ci muoveveamp, queste oscillavano fino ad incrociarsi quando trovavamo l'acqua. Ma ciò che più mi colpisce è che le bacchette interagiscono con qualsiasi cosa si voglia trovare, come una vera bussola del tesoro. Ad esempio l'altro giorno cercavo una fonte di energia naturale ed ecco che puntavano un piccolo caricatore orgonico da me costruito. Le bacchette sono un mezzo che puo' darci una prova fisica materiale di ciò che ricerchiamo. 

Come dice mio zio tutto dipende dall'operatore. Se ti metti in mano le bacchette per fare il figo non troverai un fico secco. Bisogna sgombrare la mente da pensieri futili ma allo stesso tempo essere ciò che ricerchiamo. Vorrei aggiungere che per trovare l'acqua bisogna diventare acqua perché ricordiamo che noi stessi siamo delle antenne e alla fine troviamo ciò che più desideriamo".

VEDI ANCHE:

Il Biometer di Alfred Bovis
Radiestesia: testare i livelli vibrazionali con il Biometer Bovis e il biotester

 

DMC Firewall is developed by Dean Marshall Consultancy Ltd