Su Umberto Eco e il suo “Wikipedia va bene perchè lì c’è controllo...”

eco torino

Dal discorso di U.Eco in occasione della laurea  honoris causa in “Comunicazione e Cultura dei media”  conferitagli  dall’Università di Torino il  10-6-2015...

 

 "I social media danno diritto di parola a legioni di imbecilli che prima parlavano solo al bar dopo un bicchiere di vino, senza danneggiare la collettività. Venivano subito messi a tacere, mentre ora hanno lo stesso diritto di parola di un Premio Nobel. E' l'invasione degli imbecilli". 
sic U. Eco:
http://www.ansa.it/sito/notizie/cultura/libri/2015/06/10/eco-web-da-parola-a-legioni-imbecilli_c48a9177-a427-47e5-8a03-9ef5a840af35.html

Dopo l'articolo di David Icke sulla educazione scolastica-accademica, un esempio perfetto...di eminenze della "cultura ufficiale", del "sapere" autorizzatato dal potere...

----------------------
by Paola Botta Beltramo

Nel corso di questa intervista, rilasciata da Umberto Eco in occasione della laurea  honoris causa in “Comunicazione e Cultura dei media”  conferitagli  dall’Università di Torino il  10-6-2015,   https://www.youtube.com/watch?v=u10XGPuO3C4&app=desktop, ad una giornalista che afferma che  gli studenti si rivolgono prevalentemente a Wikipedia per le loro informazioni Eco risponde:

“ Wikipedia va bene perchè lì c’è  controllo...” (1,50’  ca dall’inizio del video)

umberto-eco

A volte le informazioni di Wikipedia sono davvero fuorvianti come, ad esempio, quelle relative alle  scoperte del  dr. Ryke Geerd Hamer. A nulla sono valse le richieste di correzioni presentate da più persone come  risulta anche da questo  link che riporta un articolo  pubblicato dalla  rivista Scienza e Conoscenza:

http://www.macrolibrarsi.it/speciali/wikipedia.php

Qualche esempio:

-  “  ....Hamer propone trattamenti originali, come il contagio volontario con agenti microbici   ... ”

Hamer ha rilevato  che i microbi, come già  Bechamp  ed altri , si trovano in un terreno biologico alterato da più fattori (shock psico-fisici, cattiva igiene, errori alimentari, inquinamento atmosferico, nucleare ecc.) e che quindi non sono, ad esempio, la causa dell’ulcera gastroduodenale come invece ritiene la scienza ufficiale.  Alcuni medici suoi seguaci hanno assunto l’helicobacter pilory per dimostrare che non hanno sviluppato l’ulcera ma solo un leggero fastidio intestinale. Allorchè è stato proposto loro di assumere il retrovirus dell’hiv risposero che   non sarebbe stato possibile perchè nessuno ha mai  isolato questo retrovirus.

- “Le sue teorie alternative, logicamente contraddittorie e scientificamente implausibili in quanto prive di qualsiasi riscontro biologico o clinico...........”

Sono state presentate  a vari ministeri della salute europei, compreso quello italiano,   richieste di  verifica di cartelle cliniche  documentate.   I cinque giudici del Tar di Stoccarda che nel 2004 dovevano verificarne  alcune sciolsero l’udienza da tempo prefissata dichiarandosi incompetenti a giudicare.  Era presente  nell’aula  anche il noto genetista-virologo Stefan Lanka che  prima d’allora aveva presentato agli stessi giudici prove documentali che confutavano le scoperte  ufficiali  sull’hiv-aids di Gallo-Montagnier. Se si leggono le recenti dichiarazioni di Luc Montagnier  riportate su internet si scopre che ha cambiato   il suo parere  circa l’evoluzione hiv-aids..

- “  ...Ad oggi non si conosce nessun caso documentato di persona guarita grazie al metodo di Hamer, mentre sono noti i casi di coloro che sono morti seguendo tale metodo”

Non è un metodo. Ogni caso è un unicum comprovabile scientificamente.  Sono scoperte che consentono alle persone di avere maggior consapevolezza circa le cause, prevalentemente endogene, ovvero shock psico-fisici, e pertanto di assumersi maggior responsabilità nello scegliere eventuali cure psico-fisiche, responsabilità che ora è invece richiesta dalla medicina convenzionale nel caso di interventi o cure gravi che   per le persone non costituisce una loro responsabilità   ma una deresponsabilizzazione  deo  medici. Sono sempre più numerose le persone che hanno testimoniato pubblicamente in convegni vari  la loro esperienza di guarigione  grazie alle scoperte del dr Hamer. 

Wikipedia  evidenzia i casi di   persone decedute e non offre spazio  ai casi  di  persone guarite . Se   si elencassero tutti gli insuccessi della medicina convenzionale sarebbe difficile ammettere che si tratti di una scienza esatta come sovente  viene erroneamente  percepita.

- “Il caso di Olivia Pilhar”:    Il caso di Olivia è molto noto perchè i genitori  vennero arrestati perchè rifiutarono di sottoporre la loro bambina ad  ulteriori cure chemioterapiche.  Basta leggera almeno parte del sito del padre di Olivia, un ingegnere austriaco che ha molto divulgato le scoperte del dr. Hamer in Austria e in Germania

http://translate.googleusercontent.com/translate_c?depth=1&hl=it&prev=search&rurl=translate.google.it&sl=de&u=http://www.olivia-tagebuch.at/medizinische-bilanz.html&usg=ALkJrhhWCBCADaa7cBlUmFUr410cVuePBg

Wikipedia dovrebbe  pubblicare  quanto Hamer scrisse a pag. 28 del suo libro “Testamento per una nuova medicina”: 

“Amici miei, vi assicuro ancora una volta che sono, Dio sa, tutt’altro che un razzista... Non faccio alcuna differenza con i miei pazienti...” 

E non fece alcuna differenza nemmeno fra i suoi studenti.  E’ noto che fra questi vi è stato anche il  famoso rabbino medico francese  Claude Sabbah titolare di  alcuni siti.

Wikipedia dovrebbe  evidenziare che sostanzialmente il dr. Hamer è stato perseguito e incarcerato perchè si è dichiarato apertamente contro le cure chemioterapiche   e pubblicare però   anche le dichiarazioni che Umberto Veronesi rilasciò il 23-4-2010 al forum “Sportello cancro” del Corriere della Sera. Veronesi rispose ad un utente che la chemio deve essere via via diminuita fino ad essere abbandonata. Le stesse affermazioni furono pubblicate anche on line  dalla  nota rivista scientifica Nature  il  6 agosto 2012.

Da quanto  sopra si evince quanto sia difficile per  tutti  accedere ad informazioni veritiere. Si pensi ai giovani studenti che, come ha detto la giornalista, risultano essere i maggiori fruitori di Wikipedia.

Da “I giovani e il nuovo piano di coscienza – informazioni – era tecnotronica”  di Bernardino de Boca: http://www.teosofia-bernardino-del-boca.it/categorie/giovani-nuovo-piano-coscienza/:

“E’ soprattutto nocivo l’uso delle mezze verità...   la scienza trovi la sua morale”

La Quarta Dimensione

DMC Firewall is developed by Dean Marshall Consultancy Ltd