Societa’ orwelliana

Conservatori al Parlamento EU: siamo pronti per la guerra con la Russia

renaissance of the west
Scritto da Cristina Bassi

 renaissance of the west

Dobbiamo chiarire che si, vogliamo andare in guerra, per cio’ che consideriamo principi esistenziali del futuro dell’Europa,” ha detto Freudenstein, Capo della Ricerca e Direttore dei Deputati del Wilfried Martens Centre for European Studies, la fondazione politica nonchè think tank ufficiale dell’EPP (European People’s Party)

Dobbiamo chiarire che si, vogliamo andare in guerra, per cio’ che consideriamo principi esistenziali del futuro dell’Europa,” ha detto Freudenstein, Capo della Ricerca e Direttore dei Deputati del Wilfried Martens Centre for European Studies, la fondazione politica nonchè think tank ufficiale dell’EPP (European People’s Party)

,

23 Aprile 23, “il tempo per le chiacchiere [vis-à-vis con la Russia] e la persuasione è finito.” Cosi hanno detto i Parlamentari e il Vice-Presidente dell’EPP (European People’s Party) Jacek Saryusz-Wolski al meeting.

“Ora è il tempo di una dura politica, una realistica ed una concentrazione sulla difesa e la sicurezza, perché il fianco orientale della EU si sente minacciato vitalmente ed esistenzialmente”.

Secondo il Parlamentare rumeno Cristian Dan Preda, la piu’ parte dei Rumeni crede che il Presidente Vladimir Putin non si fermerà finchè non avrà unito la Russia alla Transnistria, la piccola repubblica che i separatisti sponsorizzati dai Russi hanno ritagliato dalla Moldavia, appena dopo il crollo della Unione Sovietica

Roland Freudenstein, Capo della Ricerca e Direttore dei Deputati del Wilfried Martens Centre for European Studies, la fondazione politica nonchè think tank ufficiale dell’EPP, ha espresso il suo rammarico che la prontezza ad entrare in guerra da parte della Europa, senza una opportuna discussione pubblica.

“Questo deve cambiare […] Dobbiamo chiarire che si, vogliamo andare in guerra, per cio’ che consideriamo principi esistenziali del futuro dell’Europa,” ha detto.

Freudenstein ha ulteriormente discusso sul fatto che l’Occidente dovrebbe riprendere la sua deterrenza , incluso quella nucleare.

“In Germania, al momento, la deterrenza nucleare della NATO consiste in 20 bombe del tipo B-61 che potrebbero venire spazzate via in un solo attacco dalle forze russe. Queste le cose che dobbiamo cambiare, dobbiamo rimetterci in forma”, ha detto Freudenstein.

Ha anche detto che i leader occidentali dovrebbero dare alla Russia un chiaro messaggio sul fatto che il suo comportamento è inaccettabile e che l’Europa è preparata a resistere..

L’EPP è il gruppo politico piu’ grande nel Parlamento Europeo ed il partito dietro la nomina di Jean-Claude Juncker come Presidente della Commissione Europea, cosi dice Euractiv. Il sito di notizie ha detto che il partito ha il supporto di alcuni tra i piu’ potenti leder europei, incluso la Cancelliera tedesca Angela Merkel.

fonte: http://russia-insider.com/en/meps-believe-eu-should-be-ready-nuclear-war/6023

EU 3 WAR AGAINST RUSSIA

NEWS CORRELATE:

Neo-nazi ucrainici inchiodano alla croce un combattente ribelle e lo ardono vivo

‘Video shock  mostra  combattenti della milizia neonazista ucraina che conducono una esecuzione nello stile ISIS, nella quale inchiodano  un ribelle separatista ad una croce e poi lo ardono vivo. L’autenticità del filmato deve essere ancora confermata, sebbene a prima vista sembri vero  ed agghiacciante. L’assassinio brutale è stato detto sia stato condotto dai membri del BATTAGLIONE AZOV, che l’anno scorso è stato convertito a reggimento, rendendolo de facto parte dell’esercito ucraino. Il gruppo paramilitare forma ” la spina dorsale delle forze che combattono  contro la milizia locale di autodifesa a sostegno della indipendenza della Ucraina”

>>> http://www.prisonplanet.com/shock-video-ukrainian-neo-nazis-nail-rebel-fighter-to-cross-burn-him-alive.html

 I comandanti dell’esercito ucraino chiedono alla autodifesa di Donbas di aprire il fuoco sul battaglione  AZOV

 “Gli ufficiali delle Forze Armate Ucraine usano linee di comunicazione aperta  per entrare in contatto  con gli ufficiali delle forze di autodifesa dell’autoproclamatasi Repubblica Popolare di Donetsk, per  chiedere di aprire il fuoco  ai battaglioni AZOV, fatti di volontari, che sono altamente controversi, cosi ha detto Eduard Basurin, il portavoce  del Ministro della Difesa della  DPR . Accompagnano la loro richiesta con referenze sulla totale incontrollabilità  del battaglione”.

>>> fonte: http://tass.ru/en/world/791796