Risvegli Una nuova cultura

Dal Canada, Susan Dunham: cosa abbiamo imparato ad odiare i non vacci nati

Scritto da Cristina Bassi

Traduco nel seguito un coraggioso e doloroso monito di Susan Dunham, dal Canada per gli orrori dell’era covid che ha falcidiato umanità, intelligenza, relazioni umane ad ogni livello e molto piu letalmente di un virus influenzale… La minoranza, coraggiosa, fedele a scienza e coscienza e intelligenza e alla protezione del proprio corpo e biologia, ha subito infatti non solo la persecuzione dello stato ma anche quella di – presunti – consimili, tra colleghi, famiglie, amicizie.
In nome della Vita, auguriamoci che non sia stato invano.

—————————

La Perdita dei Sensi — Libro

Dopo la guerra del Canada contro i non vacci nati, il campo di battaglia è ancora caldo. Gli obblighi si sono allentati, ed entrambe le parti sono tornate a inciampare in qualcosa che assomiglia alla vecchia normalità, tranne per il fatto che c’è una nuova e presente ferita fatta alle persone che abbiamo cercato di spezzare. E nessuno vuole parlarne.

Solo poche settimane fa, i nostri stessi leader ammettevano di voler rendere invivibile la vita dei non vacci nati. E come collettivo facente veci, abbiamo moltiplicato il dolore, portando la lotta nelle nostre famiglie, amicizie e luoghi di lavoro. Oggi affrontiamo la dura verità che nulla di tutto ciò era giustificato e, nel farlo, scopriamo una preziosa lezione.

È stata una rapida scivolata dalla rettitudine alla crudeltà e, per quanto possiamo incolpare i nostri leader per la spinta, siamo responsabili di essere caduti nella trappola nonostante il nostro giudizio.

Sapevamo che il declino dell’immunità metteva sullo stesso piano un gran numero di vacci nati e una minoranza sempre più esigua di non vacci nati, eppure li abbiamo contrassegnati per una persecuzione speciale.

Abbiamo detto che non avevano “fatto la cosa giusta”, non affidando i loro corpi alle cure dello Stato, anche se sapevamo che l’opposizione di principio a una cosa del genere, non ha prezzo in nessuna circostanza.

E ci siamo davvero lasciati convincere che l’ennesimo lockdown inefficace sarebbe stato per colpa loro, non della politica tossica. È stato quindi grazie alla deliberata ignoranza della scienza, dell’educazione civica e della politica, che abbiamo spremuto allo stremo i non vacci nati.

Abbiamo inventato un nuovo criterio per il buon cittadino e, non riuscendo a esserlo noi stessi, abbiamo provato piacere nel rendere capro espiatorio chiunque non fosse all’altezza. Dopo mesi di lockdown ingegneristico, avere qualcuno da incolpare e da bruciare era semplicemente una bella sensazione.

Quindi non possiamo tenere la testa alta, come se credessimo di avere la logica, l’amore o la verità dalla nostra parte mentre auguravamo ferocemente la morte ai non vacci nati. Il meglio che possiamo fare è sederci nella consapevolezza della nostra rabbiosa disumanità per averne messo da parte così tanti.

I Danneggiati da Vaccino — Libro

La maggior parte di noi che ha messo alla gogna i non conformi lo ha fatto perché sembrava una vittoria certa, come se i non vacci nati non avessero mai superato la crisi. In effetti, la nuova normalità promessa sembrava imbattibile, quindi ci siamo schierati dalla sua parte e abbiamo fatto di chi non si adeguava un sacco da boxe.

Ma scommettere contro di loro è stato un imbarazzo tremendo per molti di noi, che ora hanno capito che gli obblighi avevano solo il potere che noi davamo loro.

Non è stato perchè siamo stati tranquilli osservanti, che abbiamo evitato il dominio infinito delle aziende farmaceutiche e i controlli medici a ogni porta. È stato grazie alle persone che abbiamo cercato di abbattere.

Quindi, quelli di noi che non sono tra i pochi disperati che pregano per il ritorno delle obbligatoietà, potrebbero trovare un po’ di gratitudine interiore per i non vacci nati. Abbiamo abboccato all’amo odiandoli, ma la loro perseveranza ci ha dato il tempo di capire che ci sbagliavamo.

Ora sembra che gli obblighi torneranno, ma questa volta c’è la speranza che molti di noi li vedano per quello che sono: un autoritarismo crescente che non si preoccupa del nostro benessere.

Se c’è un vero nemico, questo è il gioco di fiducia del potere statale e il trasparente tentativo di dividerci. Prestare attenzione a questo, ora, sembra essere la nostra migliore possibilità di riscatto.

Fonte: https://susandunham.medium.com/what-we-learned-from-hating-the-unvaccinated-fc428fa0732c

La guerra contro i non vacci nati è stata persa

Se la Covid fosse un campo di battaglia, sarebbe ancora caldo con i corpi dei non vacci nati. Per fortuna gli obblighi si stanno attenuando ed entrambi i fronti della guerra stanno tornando alla nuova normalità.

I non vacci nati sono gli eroi degli ultimi due anni, perché hanno permesso a tutti noi di avere un gruppo di controllo nel grande esperimento e di evidenziare le carenze dei vacci ni Covid. I non vacci nati portano con sé molte cicatrici e ferite, perché sono le persone che abbiamo cercato di spezzare mentalmente, ma nessuno vuole parlare di ciò che abbiamo fatto loro e di ciò che hanno costretto la “Scienza” a svelare.

Sapevamo che l’immunità in declino dei vacci nati aveva lo stesso profilo di rischio della minoranza dei non vacci nati, eppure li abbiamo contrassegnati per una persecuzione speciale. Abbiamo detto che non avevano “fatto la cosa giusta per il bene comune” consegnando il loro corpo e la loro autonomia medica allo Stato.

Molti dei cosiddetti esperti di salute e leader politici australiani hanno ammesso che l’obiettivo era quello di rendere quasi invivibile la vita dei non vacci nati, il che è stato moltiplicato molte volte dalla folla collettiva, con la lotta portata nei luoghi di lavoro, nelle amicizie e nelle riunioni di famiglia.

Oggi la dura verità è che nulla di tutto ciò era giustificato, perché siamo passati rapidamente dalla rettitudine alla crudeltà assoluta.

Potremmo dare la colpa ai nostri leader e agli esperti di salute per aver dato questa spinta, ma ogni individuo all’interno della società deve essere ritenuto responsabile per essere caduto nella trappola ben congegnata.

Lo abbiamo fatto pur sapendo bene che l’opposizione di principio non ha prezzo quando si tratta di ciò che entra nel nostro corpo e ci siamo lasciati ingannare nel credere che un altro lockdown inefficace sarebbe stato colpa dei non vacci nati e non della politica tossica dei vacci ni inefficaci.

Abbiamo avuto piacere nel rendere capri espiatori i non vacci nati perché, dopo mesi di lockdown architettato dai leader politici accecati dal potere, avere qualcuno da incolpare e da mettere al rogo era una bella sensazione.

Credevamo di avere la logica, l’amore e la verità dalla nostra parte, quindi era facile augurare la morte ai non vacci nati. Quelli di noi che ridicolizzavano e prendevano in giro i non conformi lo facevano perché si sentivano imbarazzati dal loro coraggio e dai loro principi e non pensavano che i non vacci nati ce l’avrebbero fatta senza problemi.

Lambie, Carr, Chant, Andrews, McGowan, Gunner e le altre centinaia di persone che ricoprono ruoli di primo piano devono essere chiamati a rispondere del vilipendio dei non vacci nati in pubblico e dell’aver alimentato folle inferocite sui social media.

Le folle, le maschere naziste e i discepoli dei vacci ni sono stati messi in imbarazzo “scommettendo contro” i non vacci nati, perché gli obblighi avevano solo il potere che noi davamo loro. Non è stato il rispetto delle regole a porre fine al dominio di Big Pharma, di Bill Gates e delle sue numerose organizzazioni e del World Economic Forum… È stato GRAZIE alle persone che abbiamo cercato di mettere in imbarazzo, ridicolizzare, deridere e abbattere.

Apandemia — Libro

Dovremmo tutti cercare di trovare un po’ di gratitudine interiore per i non vacci nati, visto che abbiamo abboccato all’amo odiandoli perché la loro perseveranza e il loro coraggio ci hanno dato il tempo di capire che ci sbagliavamo.

Quindi, se mai dovessero tornare gli obblighi per la Covid o per qualsiasi altra malattia o virus, si spera che molti di noi siano svegli e vedano il crescente autoritarismo che non si preoccupa del nostro benessere, ma si concentra piuttosto sul potere e sul controllo.

La guerra ai non vacci nati è stata persa e dovremmo essere tutti molto grati per questo.

Fonte:https://afipn.com.au/the-war-on-the-unvaccinated-was-lost/

traduzioni: M.Crisitina Bassi per www.thelivingspirits.net