Big pharma Pericoli

Dalla Russia sul CO VID in Occidente: le autorità mediche mondiali e l’Inquisizione mondiale

Scritto da Cristina Bassi

Ricevo questo articolo in lingua russa, che commenta la situazione COVID in Occidente e cita alcuni esponenti medici e di scienza (alcuni dei quali sono già stati presentati su questo sito), che sono scesi “in battaglia” distinguendosi dalla narrativa globale.  Non conosco il russo, quindi uso un traduttore automatico.
————————

Operazione Corona - Colpo di Stato Globale — Libro

Ho già scritto del medico inglese Vernon Coleman, che per decenni nei suoi libri e discorsi pubblici ha messo in guardia milioni di persone sui rischi che si corrono quando i cittadini entrano in contatto con il sistema sanitario e le aziende farmaceutiche.

Per i fornitori di assistenza sanitaria e i produttori di farmaci, l’individuo diventa un mezzo di arricchimento. Un tale sistema non ha bisogno di una persona sana, ma di una malata. Coleman critica aspramente la va cci nazione totale contro il COVID-19.

Ci sono combattenti come questo anche in altri paesi.

E quest’anno le liste di opposizione alla medicina ufficiale e a Big Pharma sono state aggiornate con nuovi nomi, alcuni dei quali molto noti nel mondo medico.

Il dottor Andrew Kaufman, MD e uno psichiatra forense certificato dagli Stati Uniti crede che:

“La pandemia di coronavirus non è una vera pandemia medica e non ci sono prove di una pandemia.
I va cci ni non sono efficaci contro il COVID-19. Inoltre, non c’è una chiara definizione della malattia e nessuna prova che suggerisca che COVID-19 stia causando la malattia. Non c’è una mortalità aggiuntiva dovuta alla nuova malattia, e quindi non è necessaria alcuna va cci nazione”.

Hilde De Smet, MD dal Belgio, afferma:

“Il nuovo va cci no COVID-19 non è sicuro, non c’è nessuna pandemia. Le persone saranno cavie, e potremmo avere effetti collaterali significativi.

Il dottor Nils Fosse, MD, dalla Norvegia, ha detto:

“Il va cci no COVID-19 è insicuro e inefficace. È una tecnologia nuova ed è stata usata solo su poche migliaia di persone. Il tasso di mortalità in Norvegia non è diverso dal normale”.

La dottoressa Elizabeth Evans del Regno Unito, cofondatrice della UK Medical Freedom Alliance, ha detto:

“I va cci ni COVID-19 non sono sicuri ed efficaci. La tecnologia è troppo sconosciuta e quindi poco sicura”.

Una “Lettera aperta sulla sicurezza medica e l’etica riguardante la vaccinazione COVID-19 dei bambini” è stata preparata su iniziativa del dottor Evans

La lettera era indirizzata al dottor June Raine, direttore esecutivo della MHRA (Medicines and Healthcare Products Regulatory Agency). La lettera metteva in guardia sugli effetti nocivi della va cci nazione dei bambini e chiedeva che fosse fermata immediatamente. L’appello è stato firmato da più di cinquanta professionisti.

Carrie Madej, un medico statunitense, ha detto:

“Non esiste una pandemia mondiale di COVID-19, i test PCR non sono stati progettati per rilevare la malattia. Il vaccino è troppo sperimentale. Non c’è nessuna pandemia.

Piotr Rubas, un medico polacco, lavora come medico generico in Germania:

“Il vaccino dovrebbe essere testato, perché dovrei mettermi in pericolo di essere vaccinato con un vaccino sconosciuto per una malattia il cui tasso di mortalità non supera quello dell’influenza stagionale”

Per ogni affermazione di questo tipo sono apparse decine di confutazioni su stampa o su internet, ma così primitive e simili che all’inizio ho sospettato che gli organizzatori/beneficiari della campagna di va cci nazione comprassero per una miseria da persone non molto istruite che scrivevano “confutazioni” copia-incolla.

Vaccini e Mascherine: sì o no? — Libro

Montanari-Gatti; analisi e foto  delle sostanze presenti nei vaccini e nelle mascherine

Tuttavia, ora sono propenso a credere che questo sia fatto da robot. Non è nemmeno censura. È più un’inquisizione.

I critici della va cci nazione cercano di distruggerli moralmente chiamandoli “pazzi”, “falsificatori”, “teorici della cospirazione”. Quasi tutti i dissidenti chiedono un dibattito aperto e onesto sul COVID-19 e sulla
va cci nazione.

Chiedono che l’OMS e le agenzie sanitarie nazionali basino le loro decisioni su quarantene e va cci nazioni sulle opinioni non solo dei funzionari, ma anche della comunità di esperti. Ahimè, né l’OMS né le agenzie governative stanno ascoltando il loro appello.

Dr Vanden Bossche, l’inquisizione dei vaccini non risparmia nessuno.

A marzo, una figura autorevole come Geert Vanden Bossche ha ostacolato i va cci natori del mondo. Per l’OMS e Big Pharma, le dichiarazioni di Bossche sono state uno shock: erano convinti che Bossche fosse “uno di loro”.

Bossche era un virologo e specialista di vaccini tedesco [ non è tedesco, è un ricercatore belga – ndr] con un Ph. Dopo aver lavorato nel mondo accademico, Bosche ha iniziato a lavorare con le aziende Big Pharma nello sviluppo e nella produzione di vaccini (GSK Biologicals, Novartis Vaccines, Solvay Biologicals). Poi si è unito al team del Global Health Discovery Program presso la Bill & Melinda Gates Foundation a Seattle, USA.

Ha lavorato con la Global Alliance for Vaccines and Immunization (GAVI), dove è stato senior manager del programma del vaccino contro l’Ebola. Dopo la GAVI, Bossche si è trasferito al Centro tedesco per la ricerca sulle infezioni di Colonia come capo dello sviluppo del vaccino

Come è ormai chiaro, Bossche ha iniziato ad avere dubbi sul corretto corso della GAVI già nel 2015. Ha esaminato e messo in dubbio la sicurezza del va cci no contro l’Ebola usato nella sperimentazione della va cci nazione ad anello in Guinea.

La sua analisi scientifica critica e la relazione sui dati, pubblicata dall’OMS sul Lancet nel 2015, è stata inviata a tutte le autorità sanitarie internazionali e ai regolatori coinvolti nel programma di va cci nazione contro l’Ebola. L’indipendenza di Bossche come scienziato fu allora trascurata e i suoi dubbi non si estesero oltre una cerchia molto ristretta di specialisti.

Antivirali Naturali - Versione Aggiornata Covid 19 — Libro

E ora ecco lo scoop! Il 6 marzo di quest’anno Gert Vanden Bossche pubblica una lettera aperta sulla va cci nazione mondiale contro il coronavirus. La lettera è intitolata:

“A tutte le autorità, gli scienziati e gli esperti di tutto il mondo, a tutti gli interessati: il mondo intero”.

Secondo lo scienziato, l’uso di farmaci COVID-19 potrebbe causare un declino globale dell’immunità umana. Bossche mette in guardia sui possibili effetti a lungo termine che avranno i va cci ni contro il coronavirus e suggerisce che la campagna di va cci nazione di massa dovrebbe essere interrotta immediatamente.

Bossche nota che non è fondamentalmente contrario ai vaccini, ma l’uso di massa dei farmaci come mezzo di prevenzione è pericoloso. Inoltre, i preparati attuali non possono essere chiamati va cci ni; non sono passati attraverso le prove necessarie. Sono sperimentali e il loro uso è soggetto a regole severe. L’uso di tali farmaci è pericoloso durante una pandemia virale.

L’emergere degli effetti della perdita dell’immunità virale, sostiene Bossche, è una delle principali minacce della va cci nazione di massa.

E sono coloro che sono stati va cci nati che alla fine rappresenteranno la più grande minaccia per coloro che li circondano: diventeranno le principali fonti di infezione a causa della perdita dell’immunità virale.

Sono sperimentali e il loro uso è soggetto a regole severe. L’uso di tali farmaci è pericoloso durante una pandemia virale.

“Le mutazioni circolanti del virus che sorgono in una pandemia possono dare origine a ceppi significativamente più virulenti del virus… Queste mutazioni possono anche avere una tolleranza ai componenti dei va cci ni attuali”, dice il virologo (tedesco) belga

Il dottor Vernon Coleman è stato piacevolmente sorpreso dalla lettera aperta di Bossche. Si scopre che il lavoro del medico tedesco [virologo belga] con la Fondazione Bill e Melinda Gates, con un certo numero di aziende Big Pharma, con GAVI non lo ha privato della sua capacità di pensare e parlare coraggiosamente su questioni professionali.

“Il dottor Bossche ha sottolineato che i vaccini attualmente in uso non sono adatti ad affrontare questa infezione virale”, dice Coleman

Il Dio Vaccino — Libro

Montagnier “La vaccinazione universale è un errore enorme!”

Montagnier ha definito la va cci nazione contro il coronavirus un errore che passerà nei libri di testo. Ha confermato le parole di un corrispondente di RAIR Foundation USA che, secondo l’OMS, dopo l’inizio della va cci nazione

“la curva che mostra le nuove infezioni,  è salita bruscamente, insieme alle morti”. “È chiaro che le nuove varianti [del virus] sono create dalla selezione, attraverso gli anticorpi, come risultato della va cci nazione”, ha detto il virologo

Qualche settimana fa, il professor Montagnier ha rilasciato una nuova intervista di 11 minuti in cui ha parlato in modo estremamente forte dell’idea della va cci nazione universale.

“La vaccinazione universale è un errore enorme. È un errore scientifico e un errore medico, se posso dirlo. Quello che sta succedendo è completamente impensabile, e perché un giorno dovrete rispondere di questo.
È la va cci nazione che sta stimolando la creazione di nuovi ceppi del virus. Il virus cinese incontra gli anticorpi creati dal va cci no, e ha due scelte: morire o trovare un modo per aggirare il va cci no. I nuovi ceppi sono la risposta del virus alla va cci nazione.
Si può rintracciare in tutto il paese come l’ondata di vaccinazioni e l’ondata di morti coincidano. Seguo i casi in cui le persone sono state va cci nate e si sono comunque ammalate. E proverò che questo virus con la sua capacità di mutare può resistere alla va cci nazione”, ha detto Montagnier.

Le clip della nuova intervista sono state immediatamente bloccate, ma continuano a riapparire.

Montagnier rilasciò l’intervista in francese e presto cominciarono ad apparire sulla stampa in lingua inglese delle “citazioni” che non avevano nulla a che fare con l’originale.

Poi, secondo i canoni dell’inquisizione moderna, hanno cominciato ad essere confutati dai robot come “assurdi”.

Inoltre, gli “avversari” del premio Nobel accennano alla rispettabile età di Montagnier – 88 anni (il vecchio è fuori di testa, dicono). Ho ascoltato i suoi discorsi. E penso che nessuno dei suoi anonimi “avversari” oserebbe entrare in una disputa faccia a faccia con Montagnier, un uomo in piena salute mentale con un enorme bagaglio scientifico.

fonte: https://aurora.network/articles/136-chelovek-i-obshhestvo/93428-mirovye-meditsinskie-avtoritety-i-mirovaja-inkvizitsija

traduzione dall’originale russo con traduttore automatico

BENESSERE CON L’ENERGIA ORGONICA, trasmettitore orgonico ultima generazione by Vitalation®