David Icke in ITA Risvegli

David Icke: il caso Kavanaugh, la fine della giustizia, il dominio della folla e la dittatura “progressista”

Scritto da Cristina Bassi

Traduco e sintetizzo nel seguito il contenuto del video di David Icke,” The End Of Justice – It’s Rule By The Mob “, pricipalmente concentrato sul caso del giudice americano Kavanaugh.
In USA, di cui noi siamo un satellite per nulla indisciplinato (quindi osserviamo bene i movimenti…),  sta avvenendo qualcosa di molto grosso che ha colto l’attenzione di Icke per una valutazione globale sullo stato della democrazia occidentale.
Il Giudice Kavanaugh sta per essere incaricato come il nono giudice della Corte Suprema,  “perché il nono di prima, Athony Kennedy, un conservatore moderato, ha deciso di ritirarsi”. (fonte)  Ma viene accusato di molestie sessuali per fatti – non provati- di quando aveva 17 anni… 

—————————

David Icke Anthology 2006-2017 – Più di 10 anni di ricerche

Ho seguito live l’audizione della commissione  magistrati al Senato USA, in cui il candidato alla Corte Suprema, il Giudice Kavanaugh, si è difeso da imputazioni di abuso sessuale, che si afferma sia avvenuto 36 anni fa. La sua accusatrice, Christine Ford, aveva testimoniato ore prima.

Quel che ho visto e osservato nella audizione è terrificante ed è testimonianza di quanto sia stato possibile disintegrare la presunta libertà di giustizia.
La giustizia deve essere come cieca: non deve vedere gender, razza, religione, cultura o reddito, ma solo prove e fatti. L’assunzione di innocenza fino a prova contraria, ora viene buttata nella spazzatura da questa mentalità illiberale, regressiva, fascista, progressista come si autodefinisce, che ha preso il sopravvento sul Partito Democratico e ha rapito la “sinistra” tradizionale. E questo accade in tutto il mondo.

Dall’altro canto i Repubblicani sono stati inutili relativamente al prendere posizione su questo diritto di base, quello di essere considerati innocenti fino a prova documentata.

Abbiamo avuto una situazione quindi in cui abbiamo visto un disgustoso comportamento, dove una donna chiaramente vulnerabile e visibilmente terrificata davanti alla commissione Giustizia, è stata usata e sfruttata, irrispettosamente, freddamente e disgustosamente, per fini politici.  Perchè di questo si tratta.

Ora: le persone non sono colpevoli fino a che si prova che lo siano, ma invece lo sono se questo fa comodo ad una “agenda” politica, che mira a far credere alle persone che costoro sono colpevoli. Non si tratta piu’ di una questione se uno è innocente o meno, piuttosto del fatto che uno è colpevole perchè questo “fa comodo a me”.

Il Risveglio del Leone - DVD

Insieme alla libertà di parola, la giustizia è un fondamento di una società libera, ma viene cancellato ogni giorno che passa.

Con il Giudice Kavanaugh probabilmente io avrei molti disaccordi, rispetto a cio’ in cui lui “crede”, ma constato che dal momento in cui fu proposto per essere eletto alla Corte Suprema (in America la Corte maggiore che decide cosa diventa morale o meno), c’è stata questa follia frenetica, di questa cosiddetta sinistra progressista fascista, per evitare che venisse nominato.

Di questo si tratta infatti, a nessuno frega niente di Christine Ford! A loro non interessa cosa è successo o meno ad una donna, sono solo preoccupati di sfruttare la situazione per i loro fini politici. Questa è la profondità in cui è scesa la politica! Nella fogna!

Quindi Kavanaugh ha affrontato l’audizione, che ha portato ad un voto in merito al fatto di essere o meno nominato giudice di Corte Suprema. Ma i Democratici volevano quella posizione e quindi volevano posticipare all’infinito, cosi da raggiungere il potere e mettere su la loro persona ecco che quindi Christine Ford diventa la pedina del loro gioco.

Tornando all’audizione, si arriva al punto in cui è chiaro che Kavanaugh sarebbe stato incaricato. E poi, dal nulla arrivano le accuse da questa Christine Ford. I fatti risalirebbero a 36 anni fa: epoca di liceo e Kavanaugh aveva 17 anni… e l’avrebbe sessualmente molestata.

Non sto facendo commenti su cio’ che questa donna dice, cosa rivendica, ha tutto il diritto di parlare di ciò che dice essere stata la sua esperienza,  ma non ci sono prove corroboranti, non indicazioni di luoghi, di periodo,  nessun dettaglio ed anche le persone che lei dice erano presenti, incluso un caro amico, dicono di non ricordare nulla.

Tuttavia, tutta la giustizia di fondo si è persa e Kavanaugh e la sua famiglia, nelle ultime due settimane, hanno dovuto attraversa quel che solo possiamo immaginare.
Cosi’ l’incarico è stato ritardato, ed una delle ragioni è stata che questa donna non poteva arrivare a Washington perché aveva paura di volare. Salvo poi emergere che ha preso l’aereo varie volte.

E la Verità vi renderà Liberi - Libro

Al di là di ciò che si crede o meno sulla sua storia,  non ci sono prove probanti e chiaramente c’è un gioco politico in tutta la faccenda e lei è la pedina.

Nonostante tutto questo… Kavanaugh “è colpevole”, perché fa comodo ai Democratici, che venga percepito come colpevole così da non essere eletto per la Corte Suprema.

La Ford ha detto in confidenza alla senatrice Diana Finestein -apro parentesi: disgustoso!-  alcune cose sulle accuse, dietro assicurazione che non sarebbero state rese pubbliche. Ma quando Kavanaugh va all’audizione e la sua elezione diventa imminente,   il nome e le accuse di Christine Ford,  vengono fatte trapelare nei media.

Qualcuno che forse pensi che tutto cio’ sia fuoriuscito dall’Ufficio della Finestein in qualche modo? Ed ecco che comincia la frenesia animalesca dove si strappano i pezzi della carcassa del loro obbiettivo.

E chi consiglia alla Ford di prendersi un avvocato? E chi dovesse essere l’avvocato? Indovinare…. Diana Finestein, che propone un avvocato: Debra Katz, una attivista politica veementemente anti Trump, a cui viene dato denaro.

Qualcuno si è trovato sicuramente sulla via di Damasco, perché costei è la stessa Debra Katz che stava minimizzando accuse di molestie sessuali contro Bill Clinton.

Quindi contro la sua volontà ma poiché fa il gioco della opportunità politica, Christine Ford si trova terrorizzata davanti alla Commissione del Senato, in trasmissione diretta non solo davanti alla nazione USA, ma a tutto il mondo. Ma a loro di questo non poteva fregarne di meno.

Quindi abbiamo visto questo processo alla streghe svolgersi nei media e ieri  (27.9.18) i Democratici non si facevano domande nella Commissione, per vedere se c’erano prove, ma hanno fatto solo affermazioni del tipo: “quanto terribile è  stato cio’ che è successo”. Ma zero domande sulle prove.

Questa è la bassezza dove siamo. Quando Christine Ford inizio’ con la sua storia prima della Commissione, un senatore delle Hawai invio’ una email ai sostenitori per chiedere donazioni e supporto finanziario con la sola motivazione di “aver lavorato sodo sul problema”, senza aver avuto un fund raising quindi “per favore mette un po’ di denaro in una busta”… questo il livello dell’opportunismo di cui sto parlando.

Questa mafia politica, questa mafia dell’ “anch’io”, non è per proteggere le donne, ma per sfruttarle per fini politici. Dove siete voi “dell’anch’io” quando si tratta di dire la impronunciabile verità sul trattamento delle donne in Arabia Saudita? Totale silenzio!  L’ipocrisia è disgustosa.

L'Imbroglio della Realtà e l'Inganno della Percezione - Libro

E’ tutto un gioco psicologico! Kavanaugh, con cui come detto avrei moltissimo probabilmente su cui dissentire, è stato usato come simbolo per indebolire gli uomini, particolarmente i bianchi, che sembrano essere al momento sotto tiro e forse continuamente in futuro. E’ tutto un gioco psicologico agito sulle persone, è sempre avvenuto ma questo è solo un esempio estremo.

Guardate il panorama politico, come è stato immensamente manipolato.  Viene introdotto qualcuno come Trump, che tira il Partito Repubblicano verso destra.  E quando questo accade la conseguenza è una risposta estrema dell’altra direzione. Quel che abbiamo ora è la Casa Bianca di Trump e la cosiddetta opposizione, che si chiama “progressive” e democratica. Dunque lo scenario è diventato improvvisamente in bianco e nero.

Non accade solo in USA, ma  ovunque, che alla fine sia abbia la scelta tra un Presidente Trump, completamente nelle mani di Israele, e quelli della estrema destra “Neocons” e dall’altro un partito “democratico”  estremo nella “correttezza politica”, che detta cosa la gente puo’ o meno dire, pensare, quali usi e costumi può o meno avere, che a seconda delle proprie opportunità decreta qualcuno colpevole o innocente.

Questa mentalità stanlinista, chiamatela come volete, che dice che è valido solo ciò che loro credono e vogliono sia creduto, mentre il resto di voi puo’ chiudere il becco…. Ecco queste sono le scelte politiche ora.

Avete mai sentito parlare questi “progressive”, della enorme catastrofe dei senzatetto negli USA ? Certo che no.  Si preoccupano solo di definire se questo o quello è colpevole. <
Il Partito Democratico di oggi non è quello di Kennedy, piuttosto nelle sue tecniche è quello di Stalin.

Ovunque è cosi, ma guardate anche qui in Gran Bretagna: avete la scelta tra il partito Conservatore, che è interessato solo ai ricchi e potenti, ed avete un Partito Laburista che se andasse al potere introdurrebbe anch’esso una isterica “correttezza” ed un sostegno frenetico , ironicamente, al sistema-establishment in sé, a cui afferma di opporsi.

Dove è quindi la scelta politica? Non c’è onestamente. E se vogliamo un cambiamento in questo mondo dobbiamo renderci conto che non potrà avvenire attraverso i politici. Costoro sono il problema. Il sistema politico così come strutturato di proposito, è il problema, non la risposta.

Il Segreto più Nascosto - Libro

Se vogliamo cambiare lo cose dobbiamo farlo nella non cooperazione con quel sistema. Nessuna cooperazione con la nostra schiavitù.  Dobbiamo comprendere che cio’ che il sistema vuole che la gente creda, è cio’ che il sistema amplifica attraverso i microfoni.

Quindi il “politically correct” e la follia “progressive”, regressiva e fascistoide, ha il permesso di arrivare ai microfoni e da questo potreste avere l’impressione che questo effettivamente rappresenta la opinione pubblica. Ma non è cosi. Se parlate alla gente per strada… costoro non hanno accesso ai microfoni. Chiedete loro cosa pensano che stia accadendo, e cosa questa gente sta promuovendo. Chiedete alla gente che ne pensa del “politically correct” quando a loro è vietata ogni opinione che non sia accettabile da queste persone.

Troverete allora ben diverse visioni su ciò che sta succedendo, parlate alle donne, lontano dai microfoni, su come gli uomini siano presi di mira per una agenda politica. Dove tutti gli uomini sono uguali e non si guarda piu’ all’individuo  e comportamento individuale…. “sei in quel gruppo? Allora sei cattivo”. “Sei in quell’altro? Allora sei buono”.

Cosi è esattamente come funziona la tirannia: decidere chi è il malvagio e chi è il buono e metterli gli uni contro gli altri.

Noi che non rappresentiamo la mentalità dei microfoni dobbiamo smettere di collaborare con questo, smettere di essere minacciati dalla folla per stare zitti.

by David Icke, fonte

traduzione e sintesi M.Cristina Bassi per www.thelivingspirits.net

VEDI ANCHE: 

CIVIL WAR ALERT: Leftists openly plot mass executions of conservatives as Democrats release home addresses of Republican Senators

 

Lascia un commento