Chi controlla l’umanita’?

Gaza: distrutta anche la sopravvivenza agricola. La condanna di Ebrei sopravvissuti al nazismo

alalam 635406217917817934 25f 4x3
Scritto da Cristina Bassi

alalam 635406217917817934 25f 4x3

Non solo massacro di civili ma anche distruzione di loro fonti di sostentamento. Dopo la privazione di acqua e luce anche la distruzione di infrastrutture agricole. Oltre 300 Ebrei sopravvissuti e discendenti di sopravvissuti ai nazisti, alzano un grido di condanna e rifiuto

 

Non solo massacro di civili ma anche distruzione di loro fonti di sostentamento. Dopo la privazione di acqua e luce anche la distruzione di infrastrutture agricole. Oltre 300 Ebrei sopravvissuti e discendenti di sopravvissuti ai nazisti, alzano un grido di condanna e rifiuto

La FAO (Food and Agriculture Organization) detto che l’offensiva di Israele sulla Striscia di Gaza, sotto occupazione, ha avuto degli effetti avversi sulle infrastrutture agricole lungo l’enclave costiera, cosa che -ha causato l’arresto della produzione di cibo

La FAO ha detto che i campi agricoli palestinesi sono diventati il bersaglio principale degli attacchi israeliani e che le infrastrutture agricole di Gaza – tra cui molti raccolti, serre, alberi, sistemi d’irrigazione, allevamenti, scorte di foraggio e barche da pesca – sono state distrutte.

La FAO ha anche avvertito che la maggior parte degli agricoltori e pastori palestinesi hanno abbandonato le loro aziende agricole a causa della pesante distruzione che gli attacchi israeliani hanno procurato.

L’organizzazione ONU ha ulteriormente fatto notare che il massacro israeliano ha reso la vita invivibile paralizzando la produzione nella Striscia

Fino ad oggi, le continue operazioni militari hanno impedito che si completasse una valutazione dettagliata dei danni all’agricoltura”, ha detto Ciro Fiorillo, responsabile dell’ufficio FAO in Cisgiordania e nella Striscia di Gaza

Durante l’ultimo  cessate il fuoco però, molti agricoltori e pastori sono stati in grado di accedere ai propri terreni; tuttavia la ripresa della produzione alimentare ora deve affrontare seri ostacoli, considerati i danni subiti e la mancanza di acqua  e di energia elettrica e di risorse finanziarie, così come l’incertezza continua per quanto riguarda la possibile ripresa delle operazioni militari”. Ha detto Fiorillo

 

alalam 635402314976436377 25f 4x3

Mercoledi (articolo del 17 agosto 2014) Israele e il movimento di resistenza, Hamas, si sono dichiarati concordi nell’estendere una tregua temporanea a Gaza per altri 5 giorni, mentre i negoziati israelo-palestinesi hanno continuato, al Cairo,  i dialoghi per raggiungere un accordo a lungo termine.

La FAO ha altresì affermato che il grande male causato dal regime di  Tel Aviv, nei territori occupati , ha portato ad un aumento dei prezzi ed ha detto che che non appena si stabilirà una tregua permanente tra Israele e Hamas, gestirà un piano speciale nel territorio del blocco per far rivivere la sua infrastruttura agricola.

“Abbiamo un programma specifico per mantenere l’agricoltura di sostentamento di Gaza per  pescatori, pastori ed agricoltori” ha dichiarato Abdessalam Ould Ahmed, rappresentante regionale della FAO per il Vicino Oriente ed il Nord Africa.

“Non appena le ostilità cesseranno, perseguiremo l’obbiettivo per promuovere non solo la sopravvivenza della gente di Gaza, ma anche il loro sviluppo in autonomia”.

Israele ha lanciato l’ultima guerra control a Striscia di  Gaza, l’8 luglio. Da allora 1.962 persone, in gran parte civili, hanno perso la vita ed almeno 10.100 risultano i feriti

fonte: http://www.presstv.ir/detail/2014/08/14/375318/israel-paralyzes-gaza-agriculture-fao/

traduzione: Cristina Bassi

get-attachment-3891-587x441

Sopravvissuti e discendenti di sopravvissuti di vittime naziste, condannano inequivocabilmente il massacro dei Palestinesi a Gaza.

313 Sopravvissuti e discendenti di sopravvissuti e vittime del genocidio nazista hanno firmato questa lettera in risposta a Elie Wiesel, sulla manipolazione del genocidio nazista, per giustificare gli attacchi su Gaza.

“Quali sopravvissuti ebrei e discendenti di sopravvissuti e vittime del genocidio nazista, condanniamo inequivocabilmente il massacro dei Palestinesi a Gaza e la costante occupazione e colonizzazione della Palestina storica. Condanniamo inoltre gli Stati Uniti per fornire a Israele il sostegno economico per portare avanti l’attacco e gli stati occidentali piu’ in generale, per usare i loro muscoli diplomatici per proteggere Israele da una condanna. Il genocidio inizia con il silenzio del mondo

Siamo oltremodo allarmati dalla disumanizzazione razzista dei Palestinesi nella società israeliana, che ha raggiunto il suo massimo punto.

In Israele, politici ed opinionisti nel The Times of Israel e The Jerusalem Post hanno apertamente  fatto appello al genocidio dei Palestinesi e la destra israeliana sta adottando l’emblema nazista.

Siamo inoltre disgustati e oltraggiati dall’abuso di Elie Wiesel sulla nostra storia , per promuovere macroscopiche falsità usate per giustificare l’ingiustificabile: lo sforzo complessivo di Israele per distruggere Gaza e l’uccisione di 2000 Palestinesi, incluse molte centinaia di bambini. Nulla puo’ giustificare i bombardamenti dei rifugi dell’ONU, delle case degli ospedali e delle università. Nulla puo’ giustificare il privare la gente di elettricità e di acqua. 

Dobbiamo alzare le nostre voci collettive e usare il nostro potere collettivo per porre fine a tutte le forme di razzismo, incluso il genocidio in corso del popolo palestinese. E chiedere una fine immediata all’assedio contro Gaza e il blocco condo di loro. Chiediamo un totale boicottaggio di Israele, economicamente, culturalmente e accademicamente.

 “Mai più” deve significare MAI PIU’ PER NESSUNO!

FONTE: http://ijsn.net/gaza/survivors-and-descendants-letter/

http://www.presstv.ir/detail/2014/08/16/375566/10000-out-in-tel-aviv-against-gaza-war/

 A Tel Aviv manifestazione denuncia la guerRa di israele su gaza