Societa’ orwelliana Inganni

La strada verso Norimberga: si avvicina il tempo delle responsabilità e risposte alla COVID plandemia

Scritto da Cristina Bassi

Traduco nel seguito un ottimo e partecipato articolo di uno scrittore irlandese, Gary Jordan ( thecovid19illusion@protonmail.com) sul dramma COVID inflitto ai popoli del presente e sul bisogno, anzi urgenza e quindi animata certezza, che una nuova Norimberga fermi e punisca i nuovi crimini psico-sanitari. Lo spunto è una notizia dalla Svizzera: il Prof. Martin Ackermann è “accusato di “spaventare la popolazione”. Ha fatto politica di propria autorità con la sua task force scientifica e ha diffuso “scenari di orrore”, così scrive il “Nebelspalter” (Zurigo): “Accuse penali contro il capo della task force del Covid”. Dobbiamo augurarci che il sassolino elvetico  gettato nello stagno del male ( psicopatico), possa creare riverberi in tutti i Paesi, soprattutto in Europa. E’ tempo
———————————————-

Operazione Corona - Colpo di Stato Globale — Libro

Quando si è sofferto un anno di inganni senza precedenti, un barlume di buone notizie, è molto gradito.

Fonti di media indipendenti, hanno riferito che Martin Ackermann, capo della task force svizzera COVID, è indagato per frode (qui una fonte svizzera tedesca che lo annuncia, ndt) , con accuse penali previste a causa del suo inutile allarmismo e della diffusione di porno paura sulla (non)pandemia COVID-19.

Un caso giudiziario di successo aprirebbe le porte all’incriminazione e all’incarcerazione di innumerevoli altri medici e scienziati famosi che hanno terrorizzato il pubblico via TV e dettato misure draconiane di politica pubblica che hanno portato miseria e dolore a miliardi di persone.

Ma non dovrebbe fermarsi ad Ackermann. È accusato di terrorizzare deliberatamente e con successo la popolazione. Ci sono innumerevoli attori in tutto il mondo, mascherati da benevoli patroni della salute e del benessere, che sono colpevoli allo stesso modo. È nostra responsabilità assicurarci che siano processati per questo.

È responsabilità di coloro che fanno parte del nostro sistema giudiziario assicurare che la fiducia in esso sia ripristinata. Un ottimo modo per iniziare sarebbe quello di innescare l’incarcerazione di massa, dei colpevoli della distruzione dell’economia mondiale e della depauperizzazione dei cittadini , grazie alle loro palesi menzogne e manipolazioni. Questi criminali non meritano niente di meno.

Mentre la maggior parte di noi è a conoscenza dell’importante avvocato tedesco Reiner Fuellmich e della sua causa contro le pratiche fraudolente del virologo Christian Drosten e del dottor Tedros Adhanom Ghebreyesus dell’OMS, questo non dovrebbe essere un motivo per riposare sugli allori.

Ci sono numerosi ingranaggi, in tutte le nostre nazioni, che hanno tenuto in funzione le macchine di Drosten e Ghebreyesus. Nel marzo 2020, la stragrande maggioranza della popolazione del mondo ha accettato, per un ghiribizzo,  di conformarsi alle istruzioni del governo che hanno effettivamente spento la vita come la conosciamo.

I cosiddetti esperti

Questa acquiescenza si è basata sul consiglio di cosiddetti esperti. Se si può autenticare e dimostrare che questi stessi esperti, hanno mentito e ingannato il pubblico in massa, allora non c’è motivo per cui non debbano essere condannati per i loro crimini.

I lockdown conseguenti, hanno portato alla paralisi delle imprese, alla disoccupazione record, al furto della ricchezza della classe media, all’isolamento degli anziani, a mancati appuntamenti/visite per i malati di cancro, agli arresti domiciliari delle famiglie, alla chiusura di scuole e università e a un aumento vertiginoso dei problemi di salute mentale e dell’abuso di droga e alcol.

L’evidenza, quattordici mesi dopo, mostra che i tassi di morte nel 2020 sono rimasti più o meno gli stessi degli altri anni, senza un grande balzo nelle cifre, come conseguenza di un virus mortale che ci è stato detto essere una minaccia per l’umanità. I casi di influenza normale sono improvvisamente scomparsi – suggerendo che ciò che una volta era classificato come “morte per influenza”, ora viene etichettato come “morte per COVID-19”, alimentando così ulteriormente la retorica della pandemia.

Persino l’ex segretario di Stato americano, Mike Pompeo, non parlò di una piaga, ma di un “esercitazione in diretta“. I test PCR sono stati usati impropriamente per mantenere l’illusione che la gente si stesse ammalando in massa. I certificati di morte sono stati falsificati per mostrare falsamente che la gente stava morendo di COVID-19 quando non era così. L’inganno è stato implacabile. Si disse… due settimane per appiattire la curva dopo, e poi però si persisteva.

Mentre tutto questo accadeva, i media ripetevano le stesse bugie, ora dopo ora, facendo sprofondare ulteriormente il mondo in uno stato di paura. Un numero selezionato di medici, scienziati e professori è diventato un nome familiare, poiché appaiono continuamente in televisione in prima serata, sfruttando le ansie dei loro spettatori, nel tentativo di arricchire se stessi nel complesso farmaceutico-industriale multimiliardario.

La lista di questi medici, scienziati e professori criminali è lunga.  Altrettanto dovrebbero esserlo le loro pene detentive. A cominciare da Patrick Vallance, per esempio: un uomo che si è regolarmente posto di fronte al popolo britannico, nel suo ruolo di capo consulente scientifico, e lo ha bombardato con profezie apocalittiche. Un vero fanatico del lockdown, che non vede l’ora di far rinchiudere tutti nelle proprie case.

L’entusiasmo di Vallance per la tirannide medica,  ad un certo punto  è stato persino notato dal gruppo di vigilanza dell’Office for Statistics Regulation, che ha dovuto emettere un avviso pubblico per sconsigliare l’allarmismo. Vallance vi dirà, naturalmente, che le sue reazioni eccessive sono state dovute alla sua genuina cura per la salute del pubblico.

Non farà però menzione della sua partecipazione azionaria di 600.000 sterline nella GlaxoSmithKline (GSK), una delle aziende che si era unita nella corsa alla produzione del va cci no COVID-19 nel 2020.

Il suo aiutante, Chris Whitty, non è meglio attrezzato né più affidabile quando si tratta di dare consigli sulla salute pubblica. E’ un altro professore e star della televisione, che ha commesso gli stessi peccati del suddetto medico svizzero, che deve essere processato.

Whitty è il Dottor Morte della televisione britannica ed è specializzato in (inutili) avvertimenti. Guardandolo sul podio accanto a Boris Johnson, ci si chiede se si è sintonizzati per sbaglio su un episodio della Famiglia Addams, invece che sul telegiornale della sera.

A un certo punto ha persino dichiarato pubblicamente che abbracciare e baciare sono atti che potrebbero portare alla morte di una persona cara. Ha detto:
“Incoraggerei qualcuno ad abbracciare e baciare i propri parenti anziani? No. Non lo farei…. se vuoi che sopravvivano per essere abbracciati di nuovo”.

Whitty vorrebbe farvi credere che i suoi discorsi sono un mezzo per proteggere la popolazione anziana della Gran Bretagna. Questa discussione naturalmente fa fiasco, quando capiamo che né lui né nessun altro nel governo britannico hanno fatto nulla per proteggere gli anziani e hanno invece fatto di tutto per prenderli di mira.

Whitty e co. hanno creato un ambiente di paura, trauma e isolamento che alla fine ha causato la morte di migliaia di residenti delle case di cura. È, infatti, la reingegnerizzazione della società attraverso i suoi ‘shockvertisements’  (pubblicità shock), che ha portato all’abbandono degli anziani e la conseguente prematura scomparsa di così tanti di loro.

Come Vallance, Whitty è stato un sostenitore dei lockdown e ha detto che vuole vedere attuate le misure di distanziamento sociale per molto tempo ancora. Nessuna soluzione all’illusione pandemica è mai stata ipotizzata da Whitty, se non la va cci nazione di massa di tutti sul pianeta. Questo non può sorprenderci, quando scopriamo i suoi profondi legami con Bill Gates e apprendiamo che una volta è stato il destinatario di oltre 40 milioni di dollari concessigli dal suddetto  ed è stato fortemente coinvolto nel lancio della fondazione Coalition for Epidemic Preparedness Innovations (CEPI) sostenuta da Gates.

Pandemie Non Autorizzate — Libro

La propaganda della paura con cui fare fortuna

Molti degli accademici e dei ricercatori (presumibilmente) più degni di fiducia nel mondo, hanno fatto carriera e fortuna grazie alla propaganda della paura. Ma nessuno l’ha trasformato in una forma d’arte come il professor Neil Ferguson dell’Imperial College. Questo è un uomo che, almeno tre volte in passato e usando complessi modelli di computer, che sono troppo complicati da capire per noi plebei, ha predetto la fine dell’esistenza umana attraverso un contagio mortale .

Nemmeno gli animali da cortile sono al sicuro dalle proiezioni del professor Ferguson. Nel 2001, hanno portato al massacro del bestiame in tutto il Regno Unito, quando 6,5 milioni di animali sono stati abbattuti come parte di uno sforzo per contenere l’afta epizootica. Questo sterminio di massa è stato effettuato, nonostante il fatto che solo 2000 animali in totale vennero trovati infetti e, alla fine, ha portato a ripercussioni finanziarie per un valore di oltre 10 miliardi di sterline.

Oltre a questo, Ferguson ha avvertito il mondo nel 2005 di un’epidemia di influenza aviaria e ha dichiarato che almeno 200 milioni di persone sarebbero morte in seguito all’infezione. Quando tutto è stato detto e fatto, era fuori di sole 199.999.560 unità, dato che il virus rivendicò la vita di sole 440 persone. Questo il numero, nonostante quelle proiezioni del computer.

Un numero simile di persone morì quattro anni dopo a causa dell’influenza suina, nonostante Ferguson, ancora una volta, predisse un numero enorme di morti e sostenesse che avremmo assistito a un livello di mortalità mai registrato dall’influenza spagnola del 1918. Andiamo avanti fino al 2020, e indovinate chi sta farneticando e delirando sulle proiezioni di infezione da Coronavirus generate dal computer, leggendo dallo stesso copione, e tirando fuori ancora una volta l’influenza spagnola.

Poi c’è il medico veterano della TV Hilary Jones, che per decenni ha passato giorno dopo giorno nella TV britannica a spingere la narrativa di Big Pharma. Quando l’isteria da COVID-19 ha colpito, si è impegnato volentieri in una frenesia di sventura per conto dei suoi burattinai dell’establishment.

Ponendosi come avversario di coloro che pubblicamente hanno sostenuto i diritti e le libertà (come Rod Humphris, un proprietario che ha giustamente chiesto al leader dell’opposizione, Keir Starmer, di lasciare il suo pub per protestare contro l’inazione del leader laburista nel combattere le restrizioni del lockdown), il dottor Jones si posiziona come un saccente so-tutto-io, nonostante il suo fare salti mortali su argomenti come le mascherine e il suo torcere spudoratamente la scienza, che si suppone rispetti per soddisfare l’agenda di coloro che lo controllano.

Ha dovuto scusarsi più e più volte per essersi sbagliato su diversi argomenti e ha mostrato arroganza e ipocrisia con il suo atteggiamento ” le leggi sono per te, ma non per me” . In diverse occasioni è stato sorpreso a infrangere le regole del culto COVID che lui stesso predica, entrando nei negozi senza mascherina e infrangendo le linee guida di distanziamento sociale.

Il suo allarmismo e il suo puntare il dito sono stati incessanti, dato che cerca di terrorizzare la nazione, lanciando ridicoli avvertimenti e spingendo assurde politiche pubbliche, come l’obbligo di indossare mascherine in spiaggia e persino in mare. Come se non bastasse, ha reagito duramente, in trasmissioni in diretta, a qualsiasi suggerimento di riapertura dell’economia, ammonendo miseramente coloro che lo suggeriscono e mettendoli in guardia di consentire al virus di “scatenarsi”.

Il suo porno della paura è esteso e non esclusivamente rivolto alle persone fragili e anziane. In un progrmma tv, ha rivolto la sua attenzione ai giovani del Regno Unito e ha minacciosamente affermato:  “Anche i giovani possono prenderlo. Può essere una malattia molto seria”.

Eresia — Libro
Danni alla salute mentale e tendenze suicide

Opportunamente, questo presunto esperto della salute, non ha mai fatto alcuna menzione dell’effetto sproporzionato che la pandemia ha avuto sulla salute mentale dei bambini e di giovani adulti . Nemmeno sulle tendenze al suicidio, attualmente presenti, cosi come sono state scoperte dagli autori di uno studio di psichiatria del Lancet (Lancet Psychiatry) ed anche di uno studio separato, pubblicato sul British Journal of Psychiatry.

Queste sono, naturalmente, le conseguenze dannose che in questo anno le sfuriate dilaganti, terrorizzanti, del dottor Hilary e di quelli come lui,  hanno avuto sulla popolazione giovane del mondo. Un’altra ragione per cui dovrebbero essere processati per i loro criminali attacchi psicologici sul popolo.

Jones, che appare regolarmente nello show televisivo Good Morning Britain,i non è l’unico medico ad aver usato la televisione del mattino come piattaforma per menzogne e inganni. In particolare, un altro medico famoso, Sara Kayat, ha fatto una breve ma indimenticabile apparizione all’inizio dell’anno su This Morning TV, per parlare della mania dei va cci ni. La dottoressa Sara ha superato alcuni dei più infami bugiardi patologici che abbiamo visto sui nostri set quando ha falsamente dichiarato che:
Dopo 12 giorni dalla prima va cci nazione del vaccino Astra Zeneca, si è al 100% efficaci contro l’ospedalizzazione e la morte.

Lungi dal prevenire l’ospedalizzazione e la morte, il va cci no sperimentale, secondo i dati presi da un rapporto del governo britannico del 1° aprile, ha causato l’ospedalizzazione di decine di migliaia di persone e la morte di oltre 400 nella sola Gran Bretagna. Come spiega questo la dottoressa Sara?

Quante delle persone che sono state rese invalide dalla iniezione, hanno accettato di farselo a seguito del  suo consiglio? Quanti degli ormai deceduti avevano deciso di essere va cci nati, dopo averla vista nel programma This Morning? Forse, farebbe meglio a spiegarsi in un tribunale.

Altri stanno dispensando consigli sulla TV internazionale e chiedendo che la gente si metta obbedientemente in fila per il va cci no COVID-19 non approvato, senza fare domande. L’immunologo australiano John Hayball è apparso recentemente su Sky News, ammettendo di non essere un esperto di studi clinici, ma ha continuato a dire:  “Vorrei incoraggiare tutti quelli a cui è stato offerto un va cci no: non fate domande. Davvero, per favore fatelo“.

Mi chiedo se il 74enne australiano Clive Haddon abbia fatto domande prima di decidere di farsi il va cci no? Dopo meno di due settimane dall’averlo fatto, soffrì di dolori atroci e si svilupparono coaguli di sangue nel suo tratto urinario. Dopo averli rimossi al Modbury Hospital in South Australia, ebbe un ictus e fu trasferito al Royal Adelaide Hospital dove i medici trovarono altri coaguli, questa volta nel cervello.

Clive venne operato d’urgenza, ma non riuscirono a rimuovere i coaguli. Le sue condizioni peggiorarono mentre le domande di sua figlia riguardo al va cci no Astra Zeneca che gli era stato somministrato, vennero smentite dai medici e dagli infermieri sul posto. Poi lo misero sotto respiratore prima che il personale medico concordasse che non c’era più nulla da fare per lui. Morì poco dopo.

Ci viene da chiederci: se fosse stato il padre di John Hayball a subire una morte dolorosa dopo gli orrendi effetti di un va cci no, sarebbe stato così rapido nel dire al pubblico di non fare domande? Un giorno, un procuratore o un giudice potrebbe chiedergli questo. Qui, nella mia terra natale, l’Irlanda, non è diverso.

Si potrebbe riempire un’intera prigione con i membri del culto apocalittico, che appaiono sui nostri schermi giorno dopo giorno. Le loro storie dell’orrore sono allineate per spaventare il popolo della nazione e il loro fanatismo per i va cci ni  è onnipresente.

Alcuni degli aspiranti Mengele, non possono più negare che si tratti di un tentativo deliberato di indurre l’isteria e la paura. Sono già stati colti in flagrante mentre pianificavano la loro furia paurosa. L’accademico di Dublino, il professor Anthony Staines, attraverso i media irlandesi servili, continua a lanciare avvertimenti sulla variante indiana, come tale percepita  e a denunciare i piani di riapertura nazionale, e questo solo mesi dopo essere stato colto in flagrante mentre metteva in scena una campagna per bombardare il pubblico con informazioni agghiaccianti, che erano appositamente progettate per pietrificarlo.

La testata indipendente Gript ha rivelato che i messaggi vennero “fatti trapelare” ai loro giornalisti, dimostrando che Staines aveva incoraggiato i suoi seguaci della setta COVID a “cercare modi per aumentare l’insicurezza, l’ansia e l’incertezza”, ricordando loro che la “minaccia di una cosa è di solito più terrificante della cosa stessa”.

Come sottolineo nel mio libro, The COVID-19 Illusion; A Cacophony of Lies, quella stessa “minaccia” è stata ciò che ha alimentato l’illusoria pandemia. Ha portato alla perdita di reddito e all’indigenza economica di miliardi di persone in tutto il mondo. Quella stessa “minaccia” è ora responsabile della messa in opera del va cci no che, finora, è costato la vita a più di 15.000 persone.

E quella stessa messa in opera del va cci no, è stata ovviamente predetta dall’allarmismo di scienziati malvagi e medici pazzi che sono apparsi sui nostri schermi televisivi negli ultimi 14 mesi. Tali dementi creature, sono ora in attesa di un appuntamento con il loro destino e un appuntamento con la giustizia.

È giunto il momento che si uniscano a Martin Ackermann e siano messi davanti a un tribunale, dove devono prendere il loro legittimo posto, come alcuni dei più sinistri criminali della storia.

La strada verso i nuovi processi di Norimberga inizia con noi, il popolo.

 

Fonte: https://waketfupweekly.substack.com/p/the-road-to-nuremberg

Traduzione: M. Cristina Bassi per www.thelivingspirits.net