Medici controcorrente Nuovasalute

Montagnier al convegno dei biologi a Roma: obbligo vaccinale errore politico e medico

Scritto da Cristina Bassi

Il dr Montaigner (85 anni), è un medico, biologo e virologo francese. Professore presso l’Istituto Pasteur di Parigi, Presidente della fondazione mondiale per la ricerca e prevenzione dell’AIDS, ha scoperto nel 1983 il Virus dell’HIV, insieme alla dr.ssa Françoise Barré-Sinoussi e al dr Robert Gallo, e ha vinto il Premio Nobel per la medicina nel 2008.

Al Convegno dell’Ordine dei biologi del 2 marzo 2018 a Roma, il dr Luc Montagneir, ha espresso alcune sue valutazioni che sicuramente faranno esternare alcuni autorevoli … di casa nostra, i loro ripetitori mediaci,  nonchè direttori di Ordini. In ogni caso il convegno  ha già fatto agire il CODACONS (si veda nel seguito)  che ha sporto denuncia contro un giornalista mainstream (ca va sans dire…) de La7 , per provocazioni illecite, durante l’evento.

E’ un piacere vivere in questo presente, nello stivale e nel vecchio continente e respirare quest’aria di ricerca aperta, libera e soprattutto al servizio della nostra vita e salute.

Nel seguito notizie dal maintream
—————————-

di Grazia Maria Coletti

L’obbligo vaccinale è «un errore medico e politico». Bufera sul premio Nobel per la medicina Luc Montagnier che ha parlato a un convegno dell’Ordine dei biologi, organizzato a Roma dal neopresidente Vincenzo D’Anna e già nelle scorse settimane al centro di polemiche per la presenza di alcuni relatori dalle tesi critiche sulle vaccinazioni.

«In diversi Paesi, come la Francia, molti vaccini vengono proposti come obbligatori entro i due anni d’età. È un errore medico e politico» ha detto Montagnier ottenendo una standing ovation di due minuti dal pubblico dei biologi presenti.

Il premio Nobel, da tempo su posizioni “non allineate” con la comunità scientifica su questi temi, ha premesso di non essere contro le vaccinazioni – «sono a favore, sono buon modo per prevenire le malattie» – ma ha spiegato che oggi i problemi sono diventati più complessi:
«Non è più come ai tempi di Pasteur, un agente contro una malattia».
Ci sono diverse aggressioni esterne: inquinamento chimico, dell’aria, del cibo, elettromagnetico, ha elencato. E aumenta la frequenza di malattie croniche, neurodegenerative, tumorali. E, secondo Montagnier, è più complessa anche l’interazione dei vaccini con la salute.

Il premio Nobel ha ricordato alcuni casi di errori sanitari legati alle vaccinazioni di massa, citando dall’anti-dengue nelle Filippine all’epatite B obbligatoria in Francia. E ha invitato a una maggiore attenzione nel somministrare i vaccini «a fare tutti i controlli del caso prima della vaccinazione» e ad adottare il principio di precauzione quando si parla di salute.

«Dobbiamo essere cauti quando proviamo nuovi tipi di vaccini – ha sottolineato – soprattutto quelli obbligatori. La scienza deve saper includere tutti i fatti, negativi e positivi, anche quelli non in linea con le teorie precedenti. Se si parla solo degli aspetti positivi delle vaccinazioni, eludendo il resto, creiamo una pseudo-scienza. Al primo posto deve esserci sempre la salute dei bambini, non l’economia», ha concluso.

Dura la reazione di Walter Ricciardi, presidente dell’Istituto superiore di sanità.
«Gli scienziati, soprattutto quando hanno vinto un premio Nobel, hanno la grande responsabilità di fare affermazioni suffragate dall’evidenza scientifica – dice Ricciardi -. E l’evidenza scientifica ci dice che le vaccinazioni sono lo strumento più sicuro, più immunogeno, più protettivo. Hanno salvato milioni di vite e ne salveranno ancora milioni. Se noi oggi non garantiamo coperture importanti, alcune malattie ritorneranno come già è successo, facendo morti anche in Italia».

Insorgono i medici di famiglia della Fimmg.
«Voglio ironicamente sperare che il senso delle affermazioni di Luc Montagnier, che inevitabilmente prestano il fianco alla propaganda no vax, siano il frutto di una traduzione poco fedele. Proprio lui, che ha vinto un Nobel per la medicina, non dovrebbe continuare a mettersi in ridicolo agli occhi dei colleghi e della comunità scientifica internazionale con dichiarazioni simili, oltretutto parlando di errore medico in un consesso dove si dovrebbe parlare di »errore del biologo” ha detto il segretario nazionale Fimmg e presidente dell’Ordine dei Medici di Napoli, Silvestro Scotti.

fonte : http://www.iltempo.it/roma-capitale/2018/03/02/news/vaccini-premio-nobel-montagnier-contro-l-obbligo-errore-medico-e-politico-1053559/

Il presidente dell’Ordine dei biologi, Vincenzo D’Anna

Ha concluso i lavori del convegno che celebrava i 50 anni dell’Ordine nazionale dei biologi, il presidente  D’Anna, dopo dieci ore di interventi, sviluppati nell’arco di tre sessioni (due scientifiche e una giuridica). Nel corso della giornata, davanti a una platea di 400 persone, si sono succeduti eminenti scienziati provenienti da alcune delle più prestigiose università mondiali. Dagli Stati Uniti alla Danimarca, dalla Russia alla Svizzera, dalla Francia ad alcune delle più importanti università italiane.

fonte: http://www.secoloditalia.it/2018/03/montagnier-al-convegno-dei-biologi-a-roma-si-ai-vaccini-ma-senza-eccessi/

CODACONS * VACCINI: DENUNCIA GIORNALISTA DE LA7, PROVOCAZIONI ILLECITE DURANTE CONVEGNO DELL’ORDINE DEI BIOLOGI PER CREARE CONFUSIONE

Il giornalista di Piazza Pulita (La7) Andrea Casadio viene denunciato oggi dal Codacons all’Ordine dei giornalisti del Lazio per gravi scorrettezze commesse nel corso del convegno organizzato in data odierna a Roma dall’Ordine Nazionale dei Biologi.

Sostenendo le tesi delle aziende che producono farmaci, Casadio si è introdotto al convegno facendo domande provocatorie ai tanti esperti presenti all’incontro, volte a far nascere il dubbio che il convegno fosse finalizzato a dimostrare il nesso tra vaccini e autismo, cosa assolutamente non corrispondente al vero – spiega il Codacons –.

Un comportamento inaccettabile e contrario alla deontologia professionale, che solleva il sospetto che dietro a tale operazione di screditamento di eminenti scienziati, tra cui il premio Nobel Luc Montagnier preso particolarmente di mira dal giornalista di La7, ci sia un preciso mandante: la lobby dei farmaci.

Casadio infatti ha fatto irruzione al convegno convinto che tutti i presenti sostenessero il rapporto tra i vaccini e autismo, ma così facendo è venuto meno ai doveri del giornalista, che sono quelli di raccontare la realtà e riportare la cronaca di un evento – prosegue l’associazione –

Ancor più grave il suo comportamento se si considera che il convegno non era assolutamente contro i vaccini, e l’attività illecita posta in essere da Casadio ha alimentato confusione su un tema delicatissimo che attiene la salute dei cittadini.

Per tale motivo il Codacons, riservandosi azioni legali contro La7, ha deciso di denunciare Andrea Casadio all’Ordine dei giornalisti del Lazio chiedendone la radiazione dall’albo, e chiede alla rete televisiva di trasmettere integralmente l’intervista realizzata dalla troupe di La7 al presidente dell’associazione Carlo Rienzi e al vicepresidente dell’Ordine dei biologi, intervista che sarà pubblicata sul sito dell’associazione.

fonte: https://codacons.it/codacons-vaccini-denuncia-giornalista-de-la7-provocazioni-illecite-convegno-dellordine-dei-biologi-creare-confusione/

Vaccinazioni - Libro

Lascia un commento