Salute-olistica Nuovasalute

Propositi per il 2020: imparare la concentrazione. Serve anche per raggiungere obbiettivi

Scritto da Cristina Bassi

Giovani o meno giovani o giovanissimi (accade anche a loro)  che siate… come non riconoscere che la concentrazione sembra molto indebolita se non svaporata del tutto, nei nostri tempi? Certamente lo stress del presente non giova, anzi.  Particolarmente quello che ora è procurato dalle oppressioni politico- globaliste, da quelle farmaco-sanitarie  (“per il nostro bene”), dalla ingegnerizzazione dell’ambiente, dalla pervasiva tecnologia e dagli invasivi campi elettromagnetici.

Tuttavia nella mancanza di concentrazione e conseguente mancanza di realizzazione di propositi e obbiettivi, c’è dell’altro ed è di questo altro, di cui qui parleremo.Concetration - Essenze Floreali - Essenza Combinata

Concentration – Essenze Floreali – 
Un aiuto in caso di disattenzione, confusione, tendenza ad estraniarsi dal mondo reale

I benefici della concentrazione

La nostra cultura non trasmette nè l’importanza né i benefici della concentrazione. A monte c’è una sottovalutazione di questa facoltà, un ignorare quanto essa sia utile per raggiungere i propri obbiettivi. Vediamo infatti che non viene particolarmente insegnata dall’inizio delle nostre vite né – quindi-  poi praticata.

La maggior parte di noi fa molta fatica a concentrarsi (in aggiunta a tutte le interferenze sopracitate), ne ignora i benefici, non fa nulla in merito, soprattutto perché non ci si rende conto di quanto imparare a concentrarsi può cambiare la vita:

“Se imparo a concentrarmi, posso cominciare a manifestare ciò che voglio nella vita”. “Noi siamo dove è il nostro pensiero”. “L’energia scorre dove va la consapevolezza”.

Schiavi di un Sé Fantasma — Libro

Come insegna da decenni David Icke: la consapevolezza è “un punto di attenzione”, dove mettiamo la nostra attenzione, lì siamo con il nostro essere consapevole. La concentrazione è la capacità di mettere a fuoco la consapevolezza su una cosa per un dato tempo.

Per poter manifestare qualcosa nella vita, occorre investire sufficiente energia sull’obbiettivo. E’ importante capire come funziona la nostra mente, solo cosi possiamo cominciare a imbrigliare e dirigere la consapevolezza ed in cambio avremo energia,  che porta alla manifestazione delle cose nella nostra vita.

Sviluppare concentrazione e volontà sarà fondamentali per manifestare i propri obbiettivi  nel 2020 (e ben oltre ovviamente).

Atoms-Mind-Consciousness

Trattamenti riequilibrio energetico con SCIO: anche per un progetto della propria vita

Il cambiamento, quello sconosciuto…

La più parte delle persone (e non è una questione di “istruzione”…) raramente cambia. Nel pensiero collettivo, nell’immaginario collettivo, il  cambiamento è associato e confuso con il “desiderio che”, cosa che non implica in sé un lavoro di volontà e concentrazione personali.

E’ più popolare e frequente pensare ad una “magia”, sperare in una “fortuna” che accadano, piuttosto che concentrarsi in un’opera di (auto-) manifestazione e trasformazione, impiegando volontà e concentrazione personali.

Eppure conosciamo il detto popolare che: “volere è potere”. Cos’altro è se non “io voglio e quindi posso”? Sempre utile ricordare questa affermazione, in sé già momento (ripetuto nella giornata) di concentrazione del pensiero:
Io sono
Io voglio
Io posso
Io faccio

Astro-psicologia metodo Huber: un modo intuitivo e profondo, per conoscere se stessi, incluse risorse e sfide della personalità e della volontà personale. Consulenza corso

Tutto è interconnesso, siamo tutti collegati energeticamente, ergo…senza una volontà in azione per un vero cambiamento, il collettivo resterà inondato di vibrazioni (frequenze) di adattabilità, superficialità, menefreghismo, opportunismo, svendita di sé, delega, rassegnazione, rinuncia, passività, profonda ignoranza.

Che sia maturo il tempo per pensare al “karma” come a una RISONANZA e non una punizione o un automatico boomerang di un “meccanismo”? Auspicabile.

Dobbiamo cambiare da dentro le nostre frequenze, risuonare con altre. Noi siamo dove portiamo il nostro pensiero. Certamente l’impresa non è facile, anche grazie alle forze contrarie a questo progetto, che ci verranno incontro: anch’esse “frequenze” che cercano proseliti per poter continuare ad esistere e nutrire una certa dimensione della realtà.

La difficoltà che scoraggia e foraggia

E la difficoltà, senza dubbio, è ciò che scoraggia la maggioranza… in perpetuo stato adolescenziale, quando non infantile, dominata da stimolo-risposta, da corpi sempre più disconnessi dalla coscienza.

Del resto da decenni la “cultura” materialistica dominante racconta che  “l’essere umano” è spinto da lotte per aumentare privilegi, quando non solo spinto ad esistere per mera sopravvivenza fisica e riproduttiva e per rassicurare le sue ataviche paure.

Ma questo è il modello che serve al “sistema” , o “mano nascosta”, non all’essere umano, molto più grande e potente di questa miseria pavloviana (stimolo-risposta): non ci sarebbe ragione  altrimenti per assalirlo e minarlo cosi pesantemente su larga scala.

E’ quel “ma fanno tutti così” che frega sempre, anche quelli che si credono molto avanti. Non risulta tuttavia che il grande numero abbia mai fatto la differenza nella storia e nella vita personale. Non è infatti “il numero” dei compagni di viaggio” che deve incoraggiare, quando il valore e la sostanza che troviamo come individui nel perseguire l’obbiettivo.

Il potere non è sinonimo di “quantità”. Occorre trovare dentro di noi il valore, ovvero un contatto con la dimensione interiore, oltre la impermanenza della materia visibile (il nostro corpo in primis), che ci dia il “senso/significato” del perché siamo qui.

Serve poi un metodo per realizzare un obbiettivo (e la volontà per volerlo praticare). Ed ecco che la concentrazione ci serve.

Metodi e strumenti utili alla concentrazione

Dall’Oriente ci arriva da anni la pratica della meditazione come mezzo per allenare la concentrazione e qui ci sono varie opzioni, scuole, guru e discipline accessibili da anni e come per tutto con valenze positive e affidabili e meno… Ma non è di questo che questo articolo vuole trattare ora.

Concentrazione e Meditazione — Libro La Pratica dei Jhana — Libro

Semplificando, per una pratica quotidiana…lo Yoga ha insegnato anche un semplice esercizio: osservare la fiamma di una candela per un dato tempo, esercitandosi a non farsi portar via da nessun pensiero che immediatamente affolla la mente. Si può stare seduti al tavolo magari in tarda sera o all’alba quando intorno non c’è rumore e decidere un tempo in cui portando attenzione al respiro (inspiro ed espiro), non distogliamo l’attenzione sulla fiamma della candela davanti a noi.

Disciplina e Silenzio sono altri due alleati e di questo parlerò in un separato articolo. Di su un altro alleato altrettanto importante, la volontà,  ho già parlato qui , proponendo un esercizio di visualizzazione guidata (la mente che si collega ad immagini e non solo ai suoni delle parole) per “ agganciarla”.

Una disciplina fisica (yoga, pilates, agonismo…) sono altri utili mezzi per allenare la concentrazione, come può esserlo scrivere o tradurre.

 Molto meno utile al fine è passare ore in internet divagando senza selezione, o ancor più sui social, se questo significa farsi assorbire e trasportare dalle mille finestre di collegamento. Anche per questo allenare la concentrazione sarà utile per non essere dispersivi, inflazionati, invasi mentalmente e emotivamente…

I disturbi fisici che ostacolano la concentrazione

Tralascio ora un approfondimento sulle cause anche fisiche (somatopsichica e non solo psicosomatica…) per cui possiamo essere meno “concentrati” o abbiamo difficoltà ad esserlo. Un breve accenno tuttavia:

-Una infestazione di funghi, per esempio come la candidosi, che ovatta anche la mente, impedisce chiarezza e concentrazione di conseguenza.

Zapper Automatic grosses Set

Frequenze & Benessere. Lo zapper secondo il metodo Clark, molto utile per riequilibrare disturbi da candidosi, infestazione di funghi, parassiti e vermi

cali di zuccheri nel sangue, come di recente vedo sempre più spesso indicati nelle risposte di risonanza del soggetto, nei trattamenti di riequilibrio energetico SCIO che eseguo 

Trattamenti di riequilibro energetico con SCIO, Scientific Consciousness Interface Operation. Invio sul campo quantico, di frequenze relative a organi e funzioni nella loro condizione sana, in supporto al proprio benessere e per la propria guarigione olistica.

Mai dimenticare infatti che siamo esseri in correlazione con il Tutto e il nostro corpo non è una macchina staccata da tutto il resto di noi. Non c’è a mio avviso una SOLA motivazione, anche perché la realtà si compone di vari livelli…

Tuttavia trovare LA (“sola e vera”) causa razionale e logica, resta la tendenza preferita, perché seda più velocemente paure e limiti intellettuali e raggiunge meglio l’obbiettivo del “controllo”, valore sempre più prioritario, purtroppo, per chi vuole esercitare potere sull’altro.

Anche per questo imparare la concentrazione e praticarla, può “distrarci” favorevolmente da una gabbia intellettuale.

disclaimer:

I trattamenti di riequilibrio energetico qui citati e prodotti benessere, non intendono in alcun modo sostituirsi a consigli, cure  e diagnosi mediche.   La scienza accademica non riconosce l’esistenza di energie sottili, pertanto ad oggi, con i criteri scientifici convenzionali, queste modalità non risultano dimostrabili secondo i parametri convenzionali.