SCIO & Trattamenti

Spiritualità, religione e guardare in se stessi

consciousness parallel universe
Scritto da Cristina Bassi

religion

La spiritualità e religione non sono la stessa cosa. Ancora le si confonde, purtroppo. Succede anche che si creda la spiritualità un approdo occasionale, anziché un viaggio che accompagna tutta la vita.

Dunque cosa è la spiritualità?  E’ guardare in se stessi e cercare il senso della propria esistenza e dell’esistenza in genere. E’ non rincorrere i soli desideri della personalità, della utilità personale, tutti fattori circoscritti a questa dimensione materiale e  transitoria.

E’  trascendere la frammentazione e l’asettica casualità con cui l’io mondano bolla in fretta gli accadimenti.

E’ rendersi conto che la coscienza che tutto pervade, non è locale, non è dentro un pezzo fisico del proprio corpo ne é confinata al piccolo io personale.

Spiritualità non è nemmeno un intrattenimento sociale o spettacolare, né qualcosa che ci fa diventare qualcun altro, piuttosto qualcosa che dobbiamo agire, la ragione per cui abbiamo una vita.

Lucicchii e notorietà non fanno la spiritualità. Anche diventare dei medium o cominciare a “canalizzare per altri”… non significa in sè spiritualità. Non per me almeno. Lo è invece soffermarsi dentro se stessi, rientrare dal rumore del mondo, dalla esteriorità, indagare sul senso, sui perché di cio’ che è, uscire dai confini ristretti ed egoistici del piccolo io e della limitatezza dei 5 sensi.

Una volta capito che non si tratta di socialità, di personalità, di materialità, di dogma, di opportunità e convenienza, di controllo sugli altri, di notorietà… possiamo cominciare a partire. Perché la spiritualità è un viaggio, nel quale possiamo sperimentare (“prendere”) vari mezzi -metodi, che non devono essere mai il fine.

religion

Il silenzio e la meditazione sono elementi importanti; la mente nel silenzio si espande, quando cessano i suoi rumori. In realtà non c’è isolamento nel silenzio, in questo silenzio, ma connessione ed espansione.

La perfezione tecnica, l’appartenenza ad una scuola con riferimento ad un guru, non sono una garanzia in sè, anzi a volte un rischio. Almeno in questo presente. 

Un ego spirituale ” inflazionato”, non è una rarità, soprattutto in quegli ambiti “al di sopra di ogni sospetto” e in questi decenni di trionfo newage. Ma anche di controllo mentale attraverso -ismi di vario tipo e classificazioni dottrinali.

La dipendenza (dal guru/maestro/medium), non è una qualità intrinseca della spiritualità,  certo puo’ intrufolarsi nel percorso, percio’  servirà riconoscerla, conquistare chiarezza e andare oltre.

Ego inflazionati, edonismi, virtuosismi  in posture di pratiche corporee, possesso di oggetti ritualistici, icone di guru viventi o trapassati, sincretismi di cattolicesimo e suoi santi mischiati a filosofie orientali, newagismi e “riti magici”… non costruiscono per me un sano percorso spirituale, di “significato”, piuttosto possono indicare  una via caotica, in cui la direzione si perde e si sprofonda nelle nebbie del piccolo io, quelle del: “basta che mi faccia star bene e mi piaccia“, ” se mi piace e mi fa star bene, allora è vero e buono e giusto” … 

Vero: su questo pianeta e in questa dimensione stiamo facendo esperienza, siamo a scuola, ma non ci aiuta confondere il senso delle cose, mistificare, incollare tutto con immatura emozionalità. 

Spiritualità e maturità per me stanno insieme e sono una conquista, non un dato scontato solo perchè si recita un mantra o una preghiera. L’età personale non è la garanzia che la maturità sia presente. Spiritualità e maturità, non arrivano “da sole”. La maturità ritengo sia una conquista obbligatoria per una autentica spiritualità, vuol dire che infantilismi ed emozioni fanciulle (anche e soprattutto in età matura!) devono crescere, farsi “adulte”, se vogliamo “essere” nella spiritualità e non solo parlarne. Maturità non è essere cupi e seri e perdere la voglia e la capacità di
ridere e sorridere!

I vari traumi della vita possono essere un ostacolo a questa maturità sulla via spirituale e non rendono facile questo guardare in non stessi (da non confondersi con l’analizzare e lo psicanalizzare noi stessi), quindi seppur con compassione e comprensione verso di noi (la “colpa e il peccato” lasciamoli ai dogmi religiosi) serve darsi da fare, per riconoscerli, guarirli e lasciarli andare. Occorre uscire da pregiudizi e pigrizie, ma anche comprendere il ruolo del tempo, anzi del  “ciclo”. Soluzioni “chiavi in mano”, quindi, lasciamole al concessionario d’auto. 

I trattamenti di riequilibrio energetico con il dispositivo quantico SCIO, che eseguo, sono un’ottima esperienza  oltre che per riequilibrare, anche per entrare in dialogo-rapporto con la parte piu’ inconscia di noi stessi, poiché indicano informazioni non mediate dalla razionalità e logica, piuttosto provenienti “dall’inconscio”  della persona. 

Un altro metodo utile e di grande sintesi, che puo’ essere la partenza del viaggio di scoperta di se stessi (e mai intendo questo in termini egoici e/o narcisistici), oppure una ispirazione o una verifica durante il viaggio stesso … è la consulenza che propongo con la Astropsicologia Huber, che conobbi ormai decenni fa nella Svizzera tedesca, vicino a Zurigo, dai suoi fondatori, i coniugi Huber. Da loro feci il training per apprendere questo loro linguaggio.La loro sede didattica nei pressi di Zurigo, allora si chiamava Astrologisch- Psychlogisches Institut  ed ora (morti entrambi) non esiste piu’.

Questo metodo astro-psicologio, un metodo e non IL metodo,  consente di cogliere come molta sintesi e colpo d’occhio delle tematiche principali della propria vita; sopratutto è possibile avere indicazione, attraverso questo linguaggio,  della direzione da seguire nella presente incarnazione, per favorire e promuovere la propria crescita interiore.

Un’ultima nota per distinguere religione e spiritualità: spesso nella persona religiosa, c’è la cosiddetta “fede in un dogma”; raramente pare tradursi anche in maturità dei propri livelli emozionale e mentale,  spesso anzi mostra palesemente una scissione tra un “ideale-dogma trascendente “e la vita qui“, qui la materia, là – da qualche parte-  lo spirito; tale materia ha “il permesso” di eventualmente degenerare in noi, perchè siamo “peccatori” e poi “là”, qualcuno ci perdona o ci assolve. Abbiamo una assenza di pensiero critico (il dogma non si discute e ci mette al sicuro) ma un ancoraggio nella percezione sensoriale dei 5 sensi (che decodificano solo una minima parte di tutto l’esistente)

Nella via spirituale (che non intendo come perfezione e infallibilità) c’è il senso della responsabilità personale e del proprio rapporto con l’Uno /Ente /Dio /Universo /Tutto /Creatore… come volete definirlo, senza intermediazione di esseri terreni che autorizzano, perdonano, intercedono, scomunicano, controllano etc etc.

Per dirla con Morfeo… “c’è una differenza tra sapere della via e camminare sulla via”…

Cristina Bassi,
operatrice olistica disciplinata ai sensi della legge 4/2013

per info e modalità sui miei trattamenti SCIO, mandare una richiesta via email, QUI

DISCALIMER: I trattamenti di riequilibrio energetico con il dispositivo quantico qui citati non intendono sostituirsi a consigli, cure  e diagnosi mediche.   La scienza accademica non riconosce l’esistenza di energie sottili, pertanto ad oggi, con i criteri scientifici convenzionali, queste modalità non risultano dimostrabili secondo i parametri convenzionali.  

VEDI ANCHE:

L’uomo dalle 4 moglie e noi anime, che pensano di essere umani
Mangiar bio e fare yoga? Non basta per risvegliarsi…
Non confonderti: il risveglio è un processo distruttivo che fa sgretolare la non verità
Antichi Alieni, ovvero il Dio del Vecchio Testamento?
Greg Giles e la Galactic Federation: le canalizzazioni a fini di Controllo Mentale
David Icke: l’inganno della percezione. Negare il consenso a questo mondo pazzo
I simboli spirituali distorti dalle Forze Oscure.
La Bibbia non parla di Creazione
David Icke a Wembley, Londra 2012: chi sono i nostri manipolatori

Lascia un commento