Risvegli Una nuova cultura

Zimbawe: Maxwell Chikumbuts inventa un sistema elettrico che si autoricarica. Schernito e perseguitato dai fact checkers

Scritto da Cristina Bassi

Traduco e sintetizzo da Collective- Evolution, questo articolo sull’ inventività umana senza confini e sulla “caccia al falso” senza eseguire indagini a sostegno, da parte dei fact checker, prolifici e attivi ormai in ogni ambito della nostra vita.
I FATTI: Sangulani (Maxwell) Chikumbutso inventa un sistema elettrico che funziona a batteria. La cosa unica è che la batteria si carica da sola con radiazioni elettromagnetiche presenti naturalmente nell’ambiente. Può funzionare per sempre.
Le RIFLESSIONI dell’autore:  Perché queste tecnologie non vedono mai la luce del giorno? Perché di solito vengono ridicolizzate e spazzate via come false? Quali sarebbero le implicazioni se questa tecnologia venisse rilasciata nel mondo?
———————————-

Qualche anno fa diversi media hanno iniziato a segnalare un nuovo sviluppo progettato da un uomo dello Zimbabwe di nome Sangulani (Maxwell) Chikumbutso, che sosteneva di aver creato con successo un veicolo elettrico e un sistema che funziona con una batteria che ha la capacità di ricaricarsi da sola, rendendolo cosi il primo veicolo elettrico che non ha mai bisogno di essere ricaricato.

Secondo le affermazioni di Maxwell, l’energia per alimentare la batteria viene prelevata dalle onde elettromagnetiche che ci circondano e che sono naturalmente presenti nel nostro ambiente. Il veicolo ha 5 normali batterie al gel, sufficienti per avviare il veicolo e caricare le batterie, e da quel momento in poi le batterie sono costantemente in carica.

La sua storia e i suoi sviluppi cominciarono a fare rumore. Ad esempio, SABC News, un’importante emittente televisiva di proprietà della South African Broadcasting Corporation, ha raccolto la storia e l’ha trasmessa ai suoi spettatori.

Secondo il Zambian Observer“Il governo degli Stati Uniti ha dato al prolifico inventore dello Zimbabwe Maxwell Chikumbutso una nuova casa nel suo popoloso stato della California. Chikumbutso è il fondatore della Saith Holdings Inc. con la quale ha fatto notizia per le sue innovazioni in serie, tra cui il primo generatore di energia verde al mondo, in grado di produrre elettricità utilizzando le frequenze radio; un’auto elettrica che non consuma carburante e molte altre ancora”.

Quando questa storia è stata diffusa, alcuni “fact checker” l’hanno semplicemente etichettata come falsa senza svolgere alcuna indagine. Quando l’ho visto per la prima volta mi sono chiesto: perché i media avrebbero dovuto dare la notizia di questa storia, filmarla e presentarla all’intero paese se era falsa? E perché i fact checker hanno semplicemente etichettato la storia come falsa dalle poltrone dei loro uffici, senza fornire alcuna prova che lo fosse?


piastre Tesla TeslaVital® : edizioni speciali:
NERA con antenna Lakhovsly,
per limitare i danni dei campi elettromagnetici nel proprio campo vitale
VIOLA con il Fiore della Vita,
per armonizzare il proprio campo energetico, particolarmente utile in caso di dolori
Per acquisto e consulenza all’acquisto: citare in oggetto piastre TeslaVital®


L’intervento di Foster Gamble e Kimberly Carter Gamble di THRIVE, famoso documentario

Nonostante i fact-checkers avessero etichettato queste informazioni come false senza fare alcuna indagine, i nuovi appassionati di energia e i creatori di uno dei documentari più visti nella storia dell’umanità, THRIVE: What on Earth Will It Take, Foster Gamble e Kimberly Carter Gamble decisero di andare in Zimbabwe e di controllare la tecnologia per conto proprio.

Foster studia e fa ricerca in nuove tecnologie energetiche da più di 30 anni e questo è stato un momento emozionante, ma anche un momento di attenta considerazione, poiché la maggior parte di simili rivendicazioni, sono in realtà false. Il team di Thrive ha incontrato Maxwell  e ha subito intuito che Maxwell è un’anima di buon cuore che ha il desiderio di cambiare il mondo.

Ma la sua tecnologia funzionava veramente? La mattina dopo, Maxwell li portò a vedere un dispositivo, che utilizza la stessa tecnologia presente nell’auto elettrica di cui abbiamo parlato sopra. L’unità mostrata nel video (a questo link) è abbastanza ampia da poter alimentare 300 case, continuamente, per sempre. Probabilmente con la manutenzione, naturalmente. Pensate alle implicazioni che questo comporta…

L’intera storia e molto altro ancora è raccontata nel loro nuovo film, Thrive II: This Is What It Takes. Potete vedere una breve clip da THRIVE II  e l’interazione di Foster e Kimberly con Maxwell.

Nel film, spiega Chikumbutso:

“Una delle realtà dolorose che ho visto nell’ambito della energia è che nell’insieme questo è un gioco molto pericoloso. Sì, soprattutto l’energia libera (free energy), perché sai che possono cercare di uccidere – usando persone professionali e questo mi è successo… ne ho passate tante, di veleni, come sto dicendo adesso, la sto combattendo. Vengono da te e poi ti dicono: “No, non devi farlo”. Quando vedono che non ti arrendi, allora possono semplicemente incastrarti, allora possono farlo, quindi …no, facile fare ABC”. La mia preghiera è che questa cosa debba vedere la luce del giorno”.

Questo per quanto riguarda i “fact checkers”. Come ho detto prima, hanno semplicemente  etichettato questo sviluppo come falso. Per esempio, PolitiFact ha spiegato che “Tre anni fa, un uomo in un evento di un giorno ha propagandato “invenzioni”, tra cui un’auto che sfida le leggi della fisica. Dal 2015, la sua storia ha trovato casa solo su blog di notizie false e siti di cospirazione”.

Snopes ha fatto lo stesso, citando anche il nostro articolo [di Collective-Evolution] che parlava della storia:

“Il 25 aprile 2018, il sito web di Collective Evolution, orientato alla cospirazione, ha ripreso la storia ancora una volta, questa volta citando la già citata storia dello Zambian Observer e il video del 2015 di quello stesso evento della televisione sudafricana. Come spesso accade per gli articoli di Collective Evolution, le affermazioni fatte in quella sede sono state clonate e rigurgitate all’infinito da altri siti dubbiosi di clickbait”.

Anche in questo caso, non c’è assolutamente alcuna prova o indagine da parte di questi fact checker, per verificare la tecnologia. Il tema comune utilizzato per cercare di ridicolizzare Chikumbutso, è che la sua invenzione infrange le leggi della fisica, la seconda legge della termodinamica per l’esattezza, perché produce più energia di quanta ne viene immessa nel dispositivo. Usano anche il ridicolo per sostenere la loro narrazione.

Scoperte Scientifiche non Autorizzate — Libro Esperimenti Scientifici Non Autorizzati — Libro

Se c’è una cosa costante nella fisica è il cambiamento

Noi di Collective Evolution, sosteniamo che il dispositivo non infrange affatto le leggi della fisica, e che la legge non è ben compresa, o deve essere rivista. Inoltre, se c’è una cosa costante nella fisica è il cambiamento.

Prendiamo, ad esempio, l’eminente fisico Lord Kelvin, che nell’anno 1900 affermò che: “Non c’è nulla di nuovo da scoprire in fisica ora”. Tutto ciò che rimane è una misura sempre più precisa”.

Non passò molto tempo da questa affermazione, che Einstein pubblicò il suo articolo sulla relatività speciale. Le teorie di Einstein mettevano in discussione il quadro di conoscenza accettato all’epoca e costringevano la comunità scientifica ad aprirsi ad una visione alternativa della realtà.

Ch serva come un grande esempio di come i concetti che vengono presi per verità assoluta, poi sono suscettibili di cambiamento. È anche importante menzionare che se questi fact checker facessero effettivamente un’indagine su questo caso, avrebbero un’opinione diversa. Come mai i fact checker hanno la capacità di etichettare qualcosa come falso senza alcuna indagine effettiva? Ecco perché persone come Foster e Kimberly sono così importanti.

In realtà, ci sono molteplici invenzioni nel mondo che sembrano infrangere la seconda legge della termodinamica e che non hanno ricevuto alcuna attenzione.

Per esempio, il famoso inventore e ingegnere Paramahamsa Tewari ha sviluppato un generatore elettrico che emette più energia di quanta ne immagazzini, raggiungendo una iper efficienza. Nel 2018, prima di morire, pubblicò un articolo su Physics Essays intitolato Structural relation between the vacuum space and the electron” (Relazione strutturale tra lo spazio vuoto e l’elettrone)”.

Lo studio spiega i concetti dietro la struttura di quello che percepiamo essere il nostro mondo fisico materiale, i concetti in esso contenuti spiegano i pensieri che stanno dietro al suo generatore. Potete vedere QUI un video del suo generatore, e saperne di più qui

 

Osservazioni finali

Il fatto che esistano queste tecnologie, e tecnologie simili che possono fornire “energia libera” al pianeta, è molto eccitante. Anche noi qui alla Collective Evolution abbiamo avuto il privilegio di vedere alcune di queste tecnologie con i nostri occhi, ed è un vero peccato che esse incontrino sempre una resistenza così dura.

Cosa vi dice questo del nostro mondo e delle storie di fondo, che dirigono il nostro pensiero attuale? Il fatto è che le nuove tecnologie energetiche come quella citata in questo articolo hanno la capacità di far crollare completamente le più grandi aziende energetiche del mondo.

Solo perché questo è vero, non significa che non dovremmo toccare il tema e parlarne e determinare come possiamo implementarle e magari fare ulteriori aggiustamenti nella nostra società .

“Ho iniziato a esaminare le soluzioni innovative e, con mia grande sorpresa, questi concetti sono stati dimostrati in centinaia di laboratori in tutto il mondo, eppure non hanno ancora visto la luce del giorno. Se le nuove tecnologie energetiche dovessero essere liberate in tutto il mondo, il cambiamento sarebbe profondo, colpirebbe tutti, sarebbe applicabile ovunque. Queste tecnologie sono in assoluto la cosa più importante che sia mai accaduta nella storia del mondo”.
Il dottor Brian O’Leary, ex astronauta della NASA e professore di fisica a Princeton

Professore Emerito all’ Institute for the Study of Earth, Oceans and Space (Istituto per lo Studio della Terra, degli Oceani e dello Spazio)  all’Università del New Hampshire, USA. Ha sottolineato l’importanza di questi concetti nel suo articolo intitolato Space and Terrestrial Transportation and Energy Technologies For The 21st Century.

Ci sono prove significative che gli scienziati, fin da Tesla, sono a conoscenza di questa energia, ma che la sua esistenza e il suo potenziale utilizzo sono stati scoraggiati e addirittura soppressi nel corso dell’ultimo mezzo secolo o più.”Dr. Theodor C. Loder, III (fonte)

fonte: https://www.collective-evolution.com/2020/11/04/man-one-ups-tesla-by-inventing-an-electric-system-that-charges-itself/
traduzione e sintesi: M. Cristina Bassi per www.thelivingspirits.net