Medici controcorrente Nuovasalute

Il dr Semmelweis: l’ortodossia medica lo ignorò, rifiutò, ridicolizzò. Poi si scoprì che aveva ragione

Scritto da Cristina Bassi

Traduco nel seguito la descrizione sintetica della nascita e morte di Semmelweis, un medico europeo del 19° secolo. E’ una ennesima testimonianza della storia “umana”, in cui  prevalgono persecuzione, derisione e aggressione fisica operate dalla ortodossia e dalla “comunità scientifica”  verso uno studioso, ricercatore, medico.

Semmelwei  fidandosi della sua osservazione, analisi e pensiero era giunto ad una “scoperta ” in sè banale per noi ora, ma che avrebbe salvato migliaia di vite (di puerpere). 

L’arroganza del pensiero egoico e la bramosia dello status e del potere sociale sono sempre valse più della vita e della verità. C’è un inquietante fil rouge, robusto e violento, che accompagna nei secoli il cammino dell’uomo e che lo separa da umanità e intelligenza, libertà e conoscenza. Alcuni si ostinano a chiamarlo “civiltà”.

————————

Quando il dr Semmelweis (1818-1865) scoprì la febbre batterica della puerpera, rese possibile la salvezza di milioni di vite. Ma durante la sua vita, mentre cercava di far accettare la sua scoperta fondamentale nel campo medico, dovette fronteggiare una enorme opposizione.

Non furono solo i suoi colleghi a screditarlo, insieme alle autorità mediche di allora, ma persino la moglie e la cerchia di amici presero poi distanza da lui. Tuttavia, negli anni successivi alla sua morte, le sue scoperte andarono a sostituire le idee radicate dell’establishment medico e scientifico, tanto da divenire poi completamente accettate.

Semmelweis nacque da una famiglia benestante di droghieri. Quinto di dieci figli, da giovane studiò  legge prima di passare a medicina.
A 26 si laureò in medicina ed iniziò a lavorare come assistente del dr Johann Klein, alla Prima Clinica Ostetrica di Vienna, Ospedale Generale.A quel tempo la clinica aveva una media di mortalità materna del 10%, a causa della febbre della puerpera .

Per i medici di allora sembrava non si potesse fare nulla per ridurre queste morti.

Una scoperta medica fondamentale

L’Ospedale Generale di Vienna, aveva due cliniche di maternità. La Seconda Clinica aveva solo il 4% di tasso di mortalità per febbre delle puerpere, ed erano quindi molto meno che nella Prima Clinica. Non sorprende perciò che le donne supplicassero di essere ammesse nella Seconda Clinica, data la cattiva reputazione della Prima.

Nella disperazione alcune persino preferivano partorire per strada . Le statistiche mostrano, però,  che queste ultime,  solo raramente sviluppavano la febbre della puerpera. Ma nessuno sapeva perché. Cosi Semmelweis cominciò ad indagare.

“Mi aspettavo, logicamente, che le pazienti che partorivano per strada, si sarebbero ammalate almeno tanto frequentemente quanto coloro che partorivano in clinica” […] ma cosa proteggeva le donne che partorivano fuori dalla clinica, da queste influenze endemiche ignote?  “

Semmelweis cercò cosi di capire quale fosse la maggiore differenza tra le due cliniche. Arrivò quindi alla conclusione che la sola chiara differenza era lo staff che vi lavorava: la Prima Clinica fungeva da servizio didattico per gli studenti di medicina, mentre la Seconda veniva usata per istruire le ostetriche.

Ma ancora non era chiara la ragione del perché l’una avesse un tasso di mortalità maggiore dell’altra.   Nel 1847 uno sfortunato incidente portò Semmelweis alla risposta. Il suo amico Jakob Kolletschka  fu infilzato da un bisturi in modo accidentale  durante un esame postmortem e mori poco dopo.

L’autopsia di Kolletchka mostrò una patologia simile a quella delle donne che morivano di febbre della puerpera. Semmelweis si rese conto che c’era un chiaro collegamento tra il contatto con i cadaveri e lo sviluppo della febbre delle puerpere. Le sue conclusioni furono che i medici nella Prima Clinica portavano sulle loro mani delle particelle dei cadaveri e le passavano alle donne incinte che visitavano.

Semmelweis istitui quindi una regola: ognuno doveva disinfettarsi le mani con una soluzione di sostanza candeggiante  quando si spostava dall’esaminare un cadavere al visitare  pazienti. Il risultato fu che il tasso di mortalità nella Prima Clinica diminuì rapidamente. La causa della febbre della puerpera si rivelò cosi essere una mancanza di adeguata igiene.

Potremmo supporre che dopo questa radicale scoperta  medica, Semmelweis venisse celebrato e trattato come un eroe. Ma non fu così. Le sue scoperte o vennero largamente ignorate,  o ridicolizzate, al punto che perse pure il suo lavoro. Frustrato, Semmelweis lasciò Vienna  e si spostò a Pest (l’odierna Budapest), dove nel 1857 sposò Maria Weidenhoffer, la figlia di un mercante di successo.

Il Dottor Semmelweis — Libro

I primi segni di accettazione

Mentre le scoperte di Semmelweis venivano ignorate in Ungheria, c’erano almeno alcuni segni incoraggianti  sul fatto che le sue idee venissero lentamente accettate altrove. Venne ricevuto molto favorevolmente in UK, per esempio, dove un ostetrico  e scrittore di medicina inglese, W.Tyler Smith, disse che Semmelweis “aveva indicato definitivamente “ come i miasmi che derivavano dalla camera mortusria,  potessero causare la febbre delle puerpere .

Nel 1856, in un successivo sviluppo positivo , l’impiegato di Semmelweis, Josef Fleischer, nel Viennese Medical Weekly riferì dei risultati di successo  nelle pratiche  di lavarsi le mani. Due anni dopo, Semmelweis stesso, pubblicò un resoconto del suo lavoro in un saggio “ The Etiology of Childbed Fever” .

A questo seguì nel 1860, la pubblicazione di un successivo saggio “The Difference of Opinion Between Myself and The English Phisicians  regarding Childbed Feve” e nel 1861, Semmelweis pubblicò la sua opera principale . “ The Etiology , Concept  and Prophylaxis of Cjhildbed Fever”.

Attaccato dalla ortodossia medica

La più parte delle sedi preposte, continua a riecheggiare con conferenze  sulla epidemia da  febbre da puerpera e con discorsi contro le mie teorie. […] In opere mediche pubblicate, i miei insegnamenti o sono attaccati o sono ignorati. La facoltà medica di Wuerzburg ha conferito un premio ad una monografia scritta nel 1859, in cui i miei insegnamenti venivano respinti”.

In generale la reazione al lavoro di Semmelweis fu soprattutto negativa. Al punto che persino il celebrato scienziato Rudolf Virchow lo rifiutò completamente. Costui aveva enorme influenza  nel circoli medici di quel tempo. Se screditava una nuova idea, le possibilità di quest’ultima di venire accettata si riducevano inevitabilmente.

Ede Florian Birly , che precedette Semmelweis  alla università di Pest , allo stesso modo rifiutò  di accettare la sua innovazione medica e continuò invece a credere che la febbre delle puerpere dipendesse da un intestino poco pulito.

Carl Edvard Marius Levy dell’ospedale della maternità di Copenhagen, era un altro esplicito oppositore di Semmelweis che esprimeva riserve sulla “natura non specifica  delle particelle dei cadaveri”

Come risultato, gli anni che Semmelweis spese a combattere contro i suoi critici, inevitabilmente incisero sulla sua salute.
Nel 1861 soffriva di vari disturbi nervosi, inclusa una forte depressione e vuoti mentali. Dei dipinti tra il 1857 e il 1864, lo mostravano come se stesse invecchiando rapidamente.

Si dice che in ogni conversazione, Semmelweis ritornasse sempre sul tema della febbre da puerpera e che cercasse anche di creare dei ponti nelle relazioni , coinvolgendo Eduard Casper Jacob von Siebold, un professore tedesco di ginecologia, per organizzare un simposio per poter fornire un forum di discussione sulla febbre da puerpera.

A metà  dl 1865 il comportamento pubblico di Semmelweis risultava imbarazzante ed irritante  per i suoi simili. E cominciò anche a bere in modo smodato. Semmelweis inizio ben presto a soffrire di un rapido declino cognitivo e di variazioni nell’umore.
Può darsi si fosse trattato di esaurimento emotivo o forse di una forma di sifilide o dementia.

Alla fine del luglio 1865 , a oli 47 anni,  fu ricoverato in un manicomio dove veniva duramente picchiato , costretto in una camicia di forza e confinato in una cella oscura. Mori settimane dopo per una ferita che andò in gangrena , molto probabilmente causata dalle percosse subite .

Semmelweis fu seppellito  a Viemna il 15 agosto 1865. Solo pochi furono presenti al rito funebre. Brevi comunicati sulla sua morte apparvero in alcuni periodici medici a Vienna e Budapest. Nel mentre, sebbene tutto fosse ampiamente evitabile, le donne continuavano a morire di febbre da puerpera

La scoperta di Semmelweis, fu poi finalmente implementata nella pratica medica standard, alla fine del 19° secolo. Se anni prima si fosse ascoltato il suo consiglio per una buona igiene, anziché attaccarlo come fece la ortodossia medica e scientifica, si sarebbero potute evitare migliaia di altre morti inutili

Fonte: https://www.dr-rath-foundation.org/2017/11/ignaz-semmelweis-ignored-rejected-ridiculed-by-the-medical-orthodoxy-then-proven-to-be-right/

traduzione: M.Cristina Bassi per www.thelivingspirits.net