Medici controcorrente Nuovasalute

Lettera Aperta del Dr Rath a governi e popoli sulla crisi pandemica: le risposte del business farmaceutico

Scritto da Cristina Bassi

Riprendo la lunga lettera del Dr Rath,  rivolta a governanti e popoli ,in risposta alla crisi pandemica attuale. (Qui la prima parte sulla medicina naturale ). Nel seguito la traduzione di una seconda parte (totale 3 parti).
Nel 1999 venne fondato il Dr. Rath Research Institute in California, con la Dr. Aleksandra Niedzwiecki come direttore. Nel corso degli anni il  team di ricerca ha ampliato la sperimentazione di specifici micronutrienti contro una varietà di condizioni di salute, comprese le malattie virali.

Ricordo  i 3 capisaldi su cui si articola la lunga lettera del dr Rath:

  1. Misure di salute naturale basate sulla scienza che possono aiutare ovunque le persone, nell’attuale epidemia.  (il primo articolo qui pubblicato)
  2. Il motivo per cui non avete mai sentito parlare prima d’ora, di questi approcci alla salute naturale.
    (tema di questo articolo, ovvero l’influenza delle case farmaceutiche)
  3. Cosa potete fare ora e come potete contribuire a introdurre la salute preventiva nella vostra comunità.
    (terza parte)

———————————-

Quali sono le risposte della medicina farmaceutica alla crisi attuale?

In netto contrasto con approcci naturali efficaci e sicuri, gli strumenti dell’industria farmaceutica nella lotta contro le malattie virali sono invece piuttosto limitati.

In assenza di un vaccino specifico, le aziende farmaceutiche stanno promuovendo i cosiddetti farmaci “antivirali”. Il nome “antivirale” è già fuorviante perché implica che questi farmaci colpiscano i virus in modo specifico. Di fatto, tuttavia, questi farmaci influenzano sia la moltiplicazione del virus che, allo stesso tempo, la crescita delle cellule nel nostro corpo.

Per esempio, il farmaco antivirale ora ampiamente discusso nella battaglia contro l’attuale pandemia sostituisce alcuni elementi costitutivi nel DNA sia dei virus che delle cellule del corpo. Gli effetti collaterali di tali farmaci sono prevedibili: essi danneggiano in particolare gli organi che dipendono da un elevato ricambio di cellule.

Così, il midollo osseo – il sito di produzione delle principali cellule immunitarie (leucociti) – viene danneggiato per primo. Con la formazione di globuli bianchi depressi, l’effetto di questi farmaci è, nella migliore delle ipotesi, a breve termine, e nella maggior parte dei casi assolutamente devastante.

Un altro farmaco attualmente promosso come presunta speranza contro l’attuale pandemia è stato originariamente sviluppato per combattere l’artrite. Ma nessuno dice a un pubblico in attesa, che questo farmaco è stato associato a centinaia di morti.

Una promozione di massa di tali farmaci nell’attuale pandemia potrebbe probabilmente uccidere più pazienti con i suoi effetti collaterali di quanti ne morirebbero a causa dell’infezione virale.

Scoperte Mediche non Autorizzate — Libro

Indipendentemente dalla discutibile efficacia, così come dai gravi effetti collaterali, i produttori di questi farmaci sintetici brevettati sono già considerati dagli ambienti finanziari internazionali, come le società di investimento più redditizie del nostro tempo!

II Perché non avete sentito parlare di  importanti informazioni sanitarie salvavita

Per comprendere il motivo per cui queste informazioni salvavita [ovvero quelle della medicina naturale] vi vengono strategicamente tenute nascoste, dobbiamo affrontare alcuni aspetti critici del business farmaceutico, ovvero come funziona il modello di business dell’industria farmaceutica

In molte parti del mondo, il sistema sanitario è gestito dai governi.

In Europa, nel Nord America e in altri paesi, l’assistenza sanitaria è in gran parte dominata dall’influenza di grandi interessi privati, in particolare l’industria degli investimenti farmaceutici.

Per comprendere lo stupefacente silenzio sulle soluzioni naturali per la salute, dobbiamo dare un’occhiata al modello di business di questo settore.

Le leggi dell’industria farmaceutica

L’industria farmaceutica non è principalmente un’industria sanitaria, ma un’attività di investimento, essendo in ultima analisi responsabile solo nei confronti dei suoi azionisti.

I mercati di questo settore d’investimento da mille miliardi di dollari sono le malattie esistenti. La sua strategia aziendale è quella di estendere questi “mercati delle malattie” a livello globale.

La merce che guida questo settore è costituita da farmaci sintetici brevettati, con tasse di brevetto esorbitanti che determinano il “ritorno sull’investimento”.

La prevenzione e l’eradicazione delle malattie minaccia di distruggere il “mercato delle malattie” di questo settore e, a lungo termine, porterà al suo collasso.

Per garantire il suo futuro, il lobbisti dell’industria farmaceutica lottano contro approcci sanitari efficaci, naturali e non brevettabili, e in particolare contro le terapie vitaminiche altamente efficaci.

Il rifiuto di informazioni sulla salute naturale nell’attuale pandemia segue rigorosamente queste leggi.

Avvolti da inganno, corruzione e avidità insaziabili

Sulla base dell’analisi di cui sopra, in una presentazione pubblica a Chemnitz, in Germania, nel 1997, ho descritto il business farmaceutico con la malattia, come il più grande ostacolo alla salute umana.

Con questa analisi, non sono rimasto solo a lungo… Negli anni successivi, questa analisi è diventata mainstream, e anche gli esperti che in precedenza avevano ricoperto posizioni influenti nell’establishment medico l’hanno condivisa pubblicamente.

Sulla base dell’analisi di cui sopra sul modello di business dell’industria farmaceutica, è ovvio che una tale industria può sopravvivere e crescere solo se la sua vera natura viene nascosta agli occhi del grande pubblico; ovvero  se viene creata un’immagine ingannevole che la ritrae come l’autorità suprema o un fornitore essenziale di salute e in sostanza se viene presentata al mondo come una moderna “Madre Teresa” – l’opposto della sua vera natura.”

La Fabbrica dei Malati — Libro

In politica, nei media e nella medicina, gli esorbitanti profitti di questo business sulla malattia” vengono utilizzati per finanziare un esercito di lobbisti. I politici influenzati da questa industria degli investimenti e i suoi cosiddetti esperti, elaborano leggi protezionistiche a livello nazionale e internazionale per assicurarsi un monopolio globale sui prodotti sanitari e sull’educazione sanitaria per l’industria farmaceutica.

In Europa, leggi restrittive come la “Direttiva sugli integratori alimentari” e il “Regolamento sulle indicazioni nutrizionali e sulla salute” (‘Food Supplements Directive’ and the ‘Regulation on Nutrition and Health Claims’) sono state deliberatamente progettate per proteggere l’industria farmaceutica.

Nonostante oltre 44.000 indicazioni naturali sulla salute siano state presentate per l’approvazione in Europa, meno di 300 sono state autorizzate. E questo nonostante più di un secolo di ricerca scientifica ora esistente su vitamine e altri micronutrienti.

Negli ultimi decenni molti dei principali media internazionali si sono trovati sotto l’influenza dell’industria farmaceutica. Questo vale anche per i media online. Ad esempio, il multimiliardario investitore dell’industria farmaceutica George Soros è stato un “benefattore” per la Wikimedia Foundation, l’organizzazione dietro Wikipedia.

Per nascondere i suoi legami con benefattori super-ricchi collegati al business degli investimenti farmaceutici, Wikipedia si presenta come una piattaforma di informazione democratica dove presumibilmente chiunque può contribuire.

Wikipedia attacca scienziati e sostenitori della salute che osano esporre la vera natura dell’industria degli investimenti farmaceutici. In questo contesto vi incoraggio a visitare il sito web di Wikipedia e a leggere il suo articolo su di me, per poi confrontarlo con la verità.

Una storia che include crimini contro l’umanità

Nel corso dei suoi 150 anni di storia, le multinazionali farmaceutiche sono state coinvolte in crimini contro l’umanità. Le filiali tedesche dell’industria chimico/farmaceutica, per esempio, divennero le forze trainanti economiche dietro due guerre mondiali.

I Managers della IG Farben condannati a Norimberga per crimini contro la umanità

I documenti del Tribunale per i crimini di guerra di Norimberga (causa VI) documentano che la Bayer, la BASF e altre società (“Il Cartello IG Farben”) divennero i principali sponsor aziendali dietro l’ascesa al potere dei nazisti.

In questo Tribunale, diversi direttori della Bayer, della BASF e di altre società chimiche/farmaceutiche tedesche furono condannati per crimini contro l’umanità, anche per aver abusato di prigionieri innocenti del campo di concentramento di Auschwitz testando su di loro farmaci sperimentali brevettati.

Telford Taylor, il procuratore capo degli Stati Uniti presso il Tribunale di Norimberga contro queste società, ha dichiarato quanto segue in merito all’alleanza tra queste società chimico/farmaceutiche e il Terzo Reich:

 

“Il loro scopo era quello di trasformare la nazione tedesca in una macchina militare e di costruirla in un motore di distruzione così terribilmente formidabile che la Germania potesse, con minacce brutali, e se necessario, con la guerra, imporre la sua volontà e il suo dominio sull’Europa, e, più tardi, su altre nazioni al di là dei mari”

Nel corso degli anni, uno dei pochi grandi giornali internazionali disposti a pubblicare i miei avvertimenti – sotto forma di Lettere Aperte – sul pericolo dell’industria farmaceutica, è stato il “New York Times”. Questo giornale riconosciuto a livello internazionale, pubblicato a New York presso la sede delle Nazioni Unite, va lodato per aver permesso che questo “muro di silenzio” venisse infranto.

La salute naturale non ci viene data gratis

Come scienziato che ha pubblicato nuove scoperte rivoluzionarie nel campo della salute naturale, che – da un punto di vista scientifico – minacciano l’intero modello di business dell’industria degli investimenti in farmaci, sono diventato il “testimone della storia” per la liberazione della salute umana.

Le mie pubblicazioni insieme a Linus Pauling, come riassunto qui di seguito, hanno presentato concetti scientifici fondamentalmente nuovi, che descrivono come le molecole naturali svolgono un ruolo decisivo nella lotta contro le malattie più comuni del nostro tempo, vale a dire le malattie cardiovascolari, il cancro e le malattie virali.

Malattie cardiovascolari

Le malattie cardiovascolari, gli attacchi di cuore e gli ictus sono essenzialmente la conseguenza di una carenza a lungo termine di vitamine, in particolare di vitamina C. Questa carenza porta ad un indebolimento delle pareti dei vasi sanguigni, simile a quello che accade nel cosiddetto scorbuto della malattia dei marinai.

Il mio libro che riassume queste scoperte, è stato tradotto nell’ultimo decennio in 14 lingue e ha cambiato la percezione di questo importante problema di salute in tutto il mondo. Oggi, il tasso di mortalità per infarto cardiaco è diminuito in modo significativo, in alcuni Paesi di oltre il 50 per cento.

La Cura Naturale delle Malattie Cardiache — Libro

Consideriamo brevemente cosa significa questo. I farmaci che riducono i sintomi delle malattie cardiovascolari sono il gruppo più grande di farmaci per l’industria farmaceutica. Una riduzione delle malattie cardiovascolari di oltre il 50% si traduce in una perdita di oltre il 50% di questi farmaci per l’attività di investimento con malattia – che si verifica anno dopo anno.

Malattia infettiva

Una delle pandemie più grandi, prima di quella attuale, è stata la crisi dell’HIV/AIDS. Nel 2002, insieme al nostro team di ricerca, sono stato invitato dal South African Medical Research Council ad unirmi agli sforzi del governo sudafricano per controllare questa epidemia nel loro paese applicando le conoscenze della ricerca sulle vitamine alle malattie virali.

La battaglia per stabilire la salute naturale come risposta globale all’HIV/AIDS è documentata nel nostro libro END AIDS!

Un decennio più tardi, nel novembre 2013, il Journal of the American Medical Association (JAMA) ha pubblicato i risultati di uno studio di 2 anni su persone affette da HIV che hanno ricevuto un’integrazione giornaliera di micronutrienti. Lo studio si è concluso:

“Questa evidenza supporta l’uso di un’integrazione specifica di micronutrienti come intervento efficace negli adulti sieropositivi nelle prime fasi della malattia, riducendo significativamente il rischio di progressione della malattia”.

Guarire il Cancro — LibroCancro

Come descritto sopra abbiamo anche presentato una comprensione completamente nuova per il conctrollo della diffusione del cancro, in particolare utilizzando composti naturali come la lisina e la vitamina C. La ricerca completa su questo nuovo modo di controllare l’epidemia di cancro è stata riassunta dal Dr. Niedzwiecki e da me nel nostro libro del 2012 Victory Over Cancer.

Nel 2020, 28 anni dopo la prima pubblicazione di questa scoperta storica, il bollettino del National Cancer Institute (NCI) degli Stati Uniti, uno dei più grandi istituti di ricerca sul cancro del mondo, ha raccomandato ai medici di utilizzare alte dosi di vitamina C per controllare il cancro. L’articolo si conclude:

“. . . dato l’attuale elevato costo finanziario dei nuovi farmaci antitumorali, sembra razionale migliorare l’efficacia delle attuali terapie studiando le loro interazioni cliniche con la vitamina C. A nostro avviso, l’implementazione di questo paradigma terapeutico potrebbe fornire benefici a molti pazienti affetti da cancro”.

Video Corso - La Scelta Antitumore — Digitale
Gennaio 2020 – Armageddon per il settore degli investimenti farmaceutici

Consideriamo cosa significa questa raccomandazione nel bollettino del più grande istituto di ricerca sul cancro del mondo. Dopo un secolo in cui si è sostenuta la chemioterapia tossica per milioni di pazienti affetti da cancro in tutto il mondo, come presunta cura per questa malattia, dopo aver estorto miliardi di dollari ai pazienti e alle autorità sanitarie pubbliche con questa bufala – è ora chiaro che una semplice vitamina è superiore a tutti questi costosi farmaci tossici.

Con le attuali vendite annuali di farmaci antitumorali farmaceutici brevettati che superano i 100 miliardi di dollari, questo lucroso mercato è stato improvvisamente minacciato di essere annientato da efficaci ed economiche terapie vitaminiche. È facile comprendere che il gennaio 2020 ha significato “Armageddon” per il business degli investimenti farmaceutici.

Per spiegare ulteriormente questo momento decisivo della storia, il cancro è stato sostenuto dal business degli investimenti farmaceutici per più di un secolo, quale verdetto di morte quasi certa. Questa costante minaccia di morte è stata strategicamente utilizzata per costringere milioni di persone ad accettare il business degli investimenti farmaceutici come unico fornitore di “medicina moderna”.

Con il riconoscimento della vitamina C come soluzione all’epidemia di cancro, la maschera ingannevole è stata presa dal modello di business dell’intera industria farmaceutica e il suo brutto volto di avidità senza scrupoli, è diventato visibile.

Nel gennaio 2020, gli investitori miliardari dell’industria farmaceutica – così come decine di migliaia di suoi azionisti in tutto il mondo provenienti dalla politica, dai media e dalla medicina – si sono resi conto che se queste informazioni si fossero diffuse a livello globale, sarebbero stati smascherati quali complici apportatori di miseria nel mondo, a livello di genocidio.

Le aziende farmaceutiche e i lobbisti sarebbero stati consegnati alla giustizia nei tribunali di tutto il mondo da milioni di persone, comunità e servizi sanitari nazionali, per i danni sanitari ed economici senza precedenti che hanno causato nel corso di decenni.

Con queste premesse, i recenti drammatici discorsi e le misure della “legge marziale” introdotte da alcuni politici, appaiono sotto una nuova luce. Di norma, più urlavano forte e più draconiane erano le misure che imponevano, più grande era il loro timore di essere ritenuti responsabili nell’imminente “pulizia” legale da parte della gente del mondo.

Tra queste voci politiche spiccavano, non a caso, i rappresentanti politici dei principali paesi esportatori di farmaci. La loro retorica era davvero sorprendente. Emmanuel Macron che dice al popolo francese che vive in tempi di guerra, e Angela Merkel che parla al popolo tedesco di una crisi che non si vedeva “dalla seconda guerra mondiale”, sono solo due esempi.

./. segue

fonte: https://www.dr-rath-foundation.org/2020-03-lets-stop-the-virus-lets-end-the-hysteria/
traduzione: M.Cristina Bassi per www.thelivingspirits.net
prima parte :
Lettera Aperta del Dr Rath a governi e popoli : misure di salute naturale per la pandemia attuale