Radioattivita’- nucleare Ambiente minacciato

NASA: causa fratture mortali nella magnetosfera, intense radiazioni solari possono spazzare via molti animali sulla Terra

Scritto da Cristina Bassi

In queste ultime settimane abbiamo letto notizia di una enorme moria di bestiame in Usa, in Kansas. Nell’articolo che traduco nel seguito, Mike Adams (NaturalNews) offre una spiegazione e correlazione all’evento che passa attraverso le dichiarazioni della NASA.

——————-
Il Sistema Solare — Libro

La NASA avverte: “fratture” mortali nella magnetosfera, permettono alle intense radiazioni solari di spazzare via un gran numero di animali sulla Terra

La misteriosa moria di bestiame avvenuta nel fine settimana in Kansas (articolo del 17 giugno 2022) – che ora si dice abbia superato i 10.000 capi di bestiame – ha sconfitto le spiegazioni tradizionali.

La storia ufficiale è che il calore elevato ha ucciso il bestiame, ma ho parlato personalmente con due proprietari di bestiame in Texas che mi hanno confermato che la storia ufficiale è un’assurdità. Le mucche non muoiono tutte insieme per il caldo, mi hanno detto. Quando il caldo torrido uccide le mucche, queste muoiono lentamente, distribuite su più giorni, non tutte in una volta.

E non è la prima volta che fa caldo in Kansas, a quanto pare. Sembra che tutti abbiano dimenticato che ogni estate fa caldo nel Midwest.

Altre possibili spiegazioni per la morte di massa sono il sabotaggio o l’avvelenamento di massa, così come la possibilità che gli allevatori si siano improvvisamente dimenticati di fornire acqua a queste mucche. Ma ciò sembra incredibilmente improbabile, dato l’altissimo valore in dollari di 10.000 capi di bestiame.

Considerati gli alti prezzi odierni della carne bovina, le perdite finanziarie per questi allevatori ammontano a diversi milioni di dollari. È estremamente improbabile che abbiano semplicemente dimenticato di fornire l’acqua.

Prima di Noi — Libro

La NASA: si stanno aprendo fratture nella magnetosfera

La NASA avverte che si stanno aprendo “fratture” nella magnetosfera e nello strato di ozono, cosa che permette alle intense e letali radiazioni solari di attraversare queste barriere, causando eventi di estinzione sulla Terra.

Ora sta emergendo un’altra spiegazione che potrebbe fornire la risposta giusta. Ieri ho intervistato David DuByne del podcast Mini Ice Age Conversations. Il suo canale è noto anche come “Adapt 2030”.

Egli ha rivelato che la magnetosfera terrestre si sta indebolendo, il che fa parte di un processo naturale di ribaltamento dei poli magnetici che ha avuto luogo almeno centinaia di volte, come sappiamo.

Quando la magnetosfera si indebolisce, con l’esaurimento dello strato di ozono, le forze naturali possono provocare “fratture” o buchi nella schermatura che normalmente protegge la Terra dai raggi UVB emanati dal sole.

I raggi UVB e altre onde elettromagnetiche di lunghezza d’onda inferiore sono così pericolosi per la vita sulla superficie della Terra, da essere ritenuti responsabili degli eventi di estinzione (ELE) che, secondo gli scienziati, hanno spazzato via l’uomo di Neanderthal. (Si vedano le fonti qui sotto).

La morte di massa del bestiame in Kansas, in altre parole, potrebbe essere un primo segnale di allarme che la magnetosfera terrestre sta cedendo a causa dell’accelerazione dell’inversione magnetica. Se questo processo accelera, le radiazioni solari potrebbero inviare “fasci di morte” sulla superficie della Terra in momenti e luoghi casuali, per anni a venire.

Gli esperti della NASA parlano di una Terra “senza la vita come la conosciamo” a causa dell’irruzione delle radiazioni solari

Da Science.NASA.gov:

“La magnetosfera è uno scudo permeabile. Il vento solare si collega periodicamente alla magnetosfera costringendola a riconfigurarsi. Questo può creare una frattura, permettendo all’energia di riversarsi nel nostro sicuro riparo. Queste fratture si aprono e si chiudono molte volte al giorno o addirittura molte volte all’ora. La maggior parte di esse sono piccole e di breve durata; altre sono vaste e durature. In questo modo, con il campo magnetico del Sole che si collega a quello della Terra, iniziano i fuochi d’artificio.

Lo stesso articolo rivela che “la vita come la conosciamo” non esisterebbe sulla superficie della Terra se questi potenti fasci di energia solare potessero raggiungere abitualmente la superficie:

Eftyhia Zesta del Geospace Physics Laboratory del Goddard Space Flight Center della NASA osserva: “Se non ci fosse un campo magnetico, potremmo avere un’atmosfera molto diversa, senza la vita come la conosciamo”.

Anche un’altra pagina della NASA, EarthObservatory.NASA.gov, conferma che i raggi UVB che raggiungono la superficie della Terra avrebbero conseguenze catastrofiche. “La vita come la conosciamo non esisterebbe”, si legge nell’articolo.

“La preoccupazione scientifica per l’assottigliamento dell’ozono nell’alta atmosfera ha spinto a compiere ampi sforzi per valutare i potenziali danni alla vita sulla Terra dovuti all’aumento dei livelli di radiazioni UV-B”.

Ben Davidson è il fondatore di SuspiciousObservers.org, un sito web che si occupa dell’indebolimento della magnetosfera del nostro pianeta. Pubblica un sito correlato, chiamato MagneticReversal.org che elenca i seguenti fatti sulla magnetosfera terrestre:

1) Il polo sud ha già lasciato l’Antartide e il polo nord sta attraversando l’oceano artico.

2) “I poli magnetici della Terra si stanno preparando a capovolgersi”. -Responsabile della missione SWARM/ESA

3) Il campo magnetico ha iniziato a indebolirsi nel 1600.

4) Il campo magnetico si è indebolito del 10% dal 1800 al 2000.

5) Il campo magnetico terrestre si è indebolito del 5% per secolo, ma ora si sta indebolendo del 5% per decennio.

6) Il campo magnetico continua a indebolirsi rapidamente.

7) Le inversioni magnetiche possono verificarsi in meno di 100 anni.

8) Le inversioni magnetiche portano a eventi di estinzione. Questo è stato recentemente confermato dalla prima rivista di geofisica.

9) Le inversioni magnetiche possono causare inondazioni bibliche.

Gli Dei del Diluvio — Libro

Eventi a livello di estinzione, riconducibili all’indebolimento della magnetosfera e alle “fratture” da radiazione solare nello scudo protettivo della Terra

La rivista scientifica AGU ha pubblicato un importante articolo di J. E. T. Channell nella sezione Review of Geophysics del 29 maggio 2019. L’articolo si intitola “Il ruolo dell’intensità del campo geomagnetico nell’evoluzione tardo-quaternaria degli esseri umani e dei grandi mammiferi”.

L’articolo afferma essenzialmente che l‘indebolimento della magnetosfera terrestre consente alle intense radiazioni solari di penetrare e raggiungere la superficie della Terra, provocando eventi di estinzione.

In realtà, questo studio sostiene che l’ascesa dell’uomo moderno sia stata il risultato diretto di questo fenomeno che ha spazzato via l’uomo di Neanderthal. L'”escursione magnetica di Laschamp” si riferisce semplicemente a una delle note inversioni dei poli magnetici avvenute nella storia della Terra.

È questo che ha ucciso tutto il bestiame in Kansas? Sta per arrivare qualcosa di più grande? Una volta compreso tutto questo, ora abbiamo una spiegazione plausibile di ciò che potrebbe aver ucciso il bestiame in Kansas. Non è una prova, ma è una spiegazione plausibile che si allinea alla fisica e ai fenomeni solari conosciuti.

Credo che i globalisti siano consapevoli di un imminente evento cosmico che minaccia il pianeta Terra, e che stiano nascondendo queste informazioni all’umanità mentre accumulano cibo, munizioni e altre scorte in vaste città sotterranee, tunnel e bunker.

Questo evento potrebbe essere semplicemente uno spostamento del polo magnetico che esporrebbe temporaneamente la superficie della Terra a radiazioni intense e mortali che ucciderebbero qualsiasi animale o persona che non trovasse ombra. Ciò costringerebbe gran parte dell’umanità a nascondersi o a operare di notte, e ovviamente farebbe crollare l’approvvigionamento alimentare globale.

I globalisti si stanno preparando a sopravvivere nel sottosuolo mentre la superficie della Terra viene cancellata da guerre, fame, collasso economico, caos sociale e possibili eventi solari. Ne ho parlato ampiamente in un podcast di 12 minuti intitolato “L’imminente GUERRA post-apocalisse tra gli abitanti del sottosuolo e quelli della superficie”.

Fonte: NaturalNews
traduzione: M. Cristina Bassi per www.thelivingspirits.net