Pericoli Ambiente minacciato

Nature: il campo magnetico terrestre sta facendo le bizze e i geologi non sanno perchè

Scritto da Cristina Bassi

Il Polo magnetico  terrestre sta spostandosi… nel seguito quello che la scienza ci racconta. Su un altro piano, di un’altra scienza…tornano alla memoria anche alcune parole della profezia di Peter Deunov:
” Sotto la Terra, qualcosa di straordinario sta approntandosi. Una rivoluzione grandiosa e assolutamente inconcepibile si manifesterà presto nella Natura. Il Creatore ha deciso di raddrizzare il mondo e sta per farlo! È il termine di un’epoca. Un nuovo modello sostituirà l’antico, un ordine nel quale regnerà l’Amore sulla Terra.” (fonte)
———————————–

Qualcosa di strano sta succedendo sulla vetta del mondo. Il polo nord magnetico della Terra se ne sta andando lontano dal Canada, diretto verso la Siberia, spinto da ferro liquido  che si sta riversando all’interno del nucleo terrestre. Il polo magnetico si sta spostando cosi velocemente, da aver costretto gli esperti di geomagnetismo del pianeta a fare una mossa rara.

Il 15 gennaio si predispongono ad aggiornare il Modello Magnetico Mondiale (World Magnetic Model), che descrive  il campo magnetico del pianeta e che è alla base di tutta la navigazione moderna, dai sistemi che guidano le navi in mare a Google Maps sugli smartphones.

La versione piu’ recente del modello, è del 2015 e fu pensata per durare fino al 2020, ma il campo magnetico sta cambiando cosi rapidamente, che i ricercatori ora devono sistemare il modello.

“L’errore aumenta continuamente,” dice Arnaud Chulliat, un geomagnetista della University of Colorado Boulder e dei National Oceanic and Atmospheric Administration’s (NOAA’s) National Centers for Environmental Information (Centri Nazionali della Amministrazione Atmosferica e Oceanica per la Protezione Ambientale- NOAA) .

Il problema in parte è causato dal Polo che si muove e in parte dai cambiamenti profondi all’interno del pianeta. Una turbolenza liquida nel nucleo della Terra  genera la maggior parte del campo magnetico , che varia nel tempo al mutare dei flussi profondi.

Nel 2016, per esempio, parte del campo magnetico accelerò temporaneamente nella profondità del Sud America settentrionale e nell’Oceano Pacifico Orientale. Il satellite della missione Swarm della European Space Agency (Agenzia Spaziale Europea) intercettò il balzo.

Già ad inizio 2018, il Modello Magnetico Mondiale, si trovava nei guai. I ricercatori del NOAA e la British Geological Survey di Edimburgo (Rilevazioni Geologiche Britanniche) stavano facendo il controllo annuale per vedere se il modello funzionava in modo adeguato o meno e se catturava o meno tutte le variazioni del campo magnetico terrestre. Si resero così conto che era talmente impreciso, che stava per eccedere il limite accettabile relativo agli errori di navigazione.

Il polo vagante

“E’ stata una situazione interessante, quella in cui ci siamo trovati,” ha detto Chulliat.
“Che sta succedendo?” Ci sono due risposte per questo, ha riportato Chulliat lo scorso mese durante l’incontro alla American Geophysical Union a Washington DC.

Prima di tutto, quella pulsazione geomagnetica nel 2016 al di sotto del Sud America arrivò nel peggior tempo possibile, proprio dopo l’aggiornamento del Modello Magnetico Mondiale, nel 2015. Questo significa che il campo magnetico ha sbandato, appena dopo l’ultimo aggiornamento, in modi che i pianificatori non avevano anticipato.

In secondo luogo, il movimento del polo nord magnetico peggiorò il problema. Il polo vaga in modi imprevedibili  che hanno affascinato esploratori e scienziati da quando James Clark Ross lo misurò per primo nel 1831, nell’Artico Canadese.

Alla metà degli anni ’90, il polo aumentò di velocità , da circa 15 km a circa 55 km all’anno. Con il 2001, entro’ nell’Oceano Artico , dove nel 2007 una squadra incluso Chulliat atterrò con un aereo sul ghiaccio,  nel tentativo di localizzare il polo stesso.

Nel 2018, il polo varcò la Linea Internazionale del Cambio di Data ,  the International Date Line, finendo nell’Emisfero Orientale. Ora è in linea retta verso la Siberia.

La geometria del campo magnetico terrestre, amplifica gli errori del modello in luoghi dove  il campo sta cambiando velocemente, come per esempio al Polo Nord. “Il fatto che il Polo sta andando veloce, rende questa regione piu’ incline ad ampi errori” ha detto Chulliat

Per sistemare il  Modello Magnetico Mondiale, Chulliat ed i suoi colleghi lo hanno alimentato dei dati degli ultimi 3 anni, includendo la pulsazione geomagnetica del 2016. La nuova versione dovrebbe restare accurata, ci dice, fino al prossimo aggiornamento, pianificato regolarmente per il 2020.

Le domande di fondo

Nel mentre, gli scienziati stanno lavorando per capire il motivo del cambiamento, cosi repentino, del campo magnetico. Le pulsazioni geomagnetiche, come quella avvenuta nel 2016, possono essere fatte risalire  a onde “idromagnetiche” che si alzano dalle profondità del nucleo 1.. E il movimento veloce del polo nord magnetico potrebbe essere collegato al getto ad alta velocità, di ferro liquido sotto il Canada2.

Il getto sembra spalmarsi ed indebolire il campo magnetico al di sotto del Canada, cosi ha detto Phil Livermore, un geomagnetista alla Università di Leeds, UK durante la riunione dell’American Geophysical Union. Questo significa che il Canada sta essenzialmente perdendo il tiro alla fune magnetico  con la Siberia.

“La località del polo nord magnetico sembra essere governata  da due grandi lotti di campo magnetico : uno sotto il Canada e uno sotto la Siberia”,  ha detto Livermore. “Il lotto siberiano sta vincendo la competizione”.

Questo significa che i geomagnetisti mondiali  avranno parecchio con cui tenersi occupati  per il  futuro piu’ prossimo.

Fonte: https://www.nature.com/articles/d41586-019-00007-1?utm_source=fbk_nnc&utm_medium=social&utm_campaign=naturenews&sf205677010=1

Traduzione M.Cristina Bassi, per www.thelivingspirits.net

References:

  1.  Aubert, J. Geophys. J. Int. 214, 531–547 (2018).
  2. Livermore, P. W., Hollerbach, R. & Finlay, C. C. Nature Geosci10, 62–68 (2017).

TI POTREBBERO INTERESSARE:

L’oceano pacifico è una discarica radioattiva, con un mare di plastica e le tossine degli ftalati

Naturalnews: la NASA conferma che il buco di ozono in Antartico si sta chiudendo

Università Kiel: l’ETNA scivola verso il mare dal suo fianco sud-orientale. Non si esclude possibilità tsunami

Strane onde sismiche si sono propagate dall’Isola di Mayotte e nel mondo. Nessuno sa perchè

Lascia un commento