Big pharma Pericoli

Ricercatori tedeschi esaminano i “va ccini” Covid e il sangue dei va cci nati. Urge stop alle inoculazioni!

Scritto da Cristina Bassi

Dal britannico  The Exposè, traduco un’altro importante articolo sullo stato della salute, alias conseguenze, relativamente ai sieri “anti covid”.
——————————-

Il gruppo di lavoro tedesco per l’analisi del vacci no Covid ha reso pubblico il suo “Sommario dei risultati preliminari” (Summary of Preliminary Findings )

In un ampio rapporto datato 6 luglio 2022, il gruppo ha descritto le sostanze tossiche trovate in tutti i campioni di “vacci no” Covid analizzati e i marcati cambiamenti osservati nei campioni di sangue prelevati da persone vacci nate.

Il Gruppo ha inoltre rilevato che tanto maggiore è la stabilità dell’involucro delle nanoparticelle lipidiche, quanto più frequenti sono gli effetti collaterali del vacci no.

“Al fine di scongiurare un pericolo diretto e imminente per la vita umana e la sicurezza pubblica, chiediamo che i programmi di vacci nazione Covid-19 vengano interrotti immediatamente, si legge nel rapporto del Gruppo.

Secondo il WG Vaccines Education, il rapporto è stato inviato a tutti i membri del Bundestag (Camera bassa del Parlamento tedesco) e poi alle autorità e ai media – per un totale di oltre 4000 persone.

Un estratto e un link al rapporto sono disponibili sul Substack della dott.ssa Ana Maria Mihalcea QUI (in inglese) o sul canale Telegram di AG Impfstoffe Aufklärung (WG Vaccines Education) QUI (in tedesco). 

Chi sono i ricercatori

Il Gruppo di Lavoro per l’Analisi del Vaccino Covid (Working Group for Covid Vaccine Analysis) è un gruppo di lavoro interdisciplinare che ha intrapreso il compito di analizzare i contenuti e gli effetti del nuovo “vacci no” Covid-19.

Si tratta di un gruppo di lavoro collegato in rete a livello internazionale con un nucleo di oltre 60 medici, farmacisti, scienziati, matematici, operatori sanitari alternativi, avvocati e giornalisti.

Il Gruppo ha osservato che, a causa della situazione politica senza precedenti in cui si sono trovati dal marzo 2020, il contenuto del loro rapporto non è stato sottoposto al consueto processo di revisione paritaria.

Tuttavia, “diversi colleghi altamente qualificati della nostra rete internazionale, hanno esaminato criticamente le nostre presentazioni e ci hanno fornito un feedback”.

Questo riassunto è una presentazione preliminare e in continua evoluzione, delle nostre ricerche e dei nostri risultati sui cosiddetti vacci ni Covid-19, nonché degli effetti che abbiamo riscontrato sul corpo umano e sul sangue in particolare.

Il riepilogo è stato pensato per il pubblico e per incoraggiare ulteriori discussioni scientifiche.

Il Gruppo di lavoro per l’analisi del vaccino Covid continua a lavorare in stretta collaborazione con diversi gruppi internazionali che stanno conducendo indagini simili e che hanno ottenuto risultati coerenti con i nostri. I risultati della nostra analisi dei vaccini possono quindi essere considerati come una convalida incrociata.

Ci sono domande che devono trovare una risposta soddisfacente da parte dei produttori di vaccini e, in Germania, dell’Istituto Paul Ehrlich (l’agenzia del Ministero della Salute federale tedesco responsabile della regolamentazione dei vaccini in quel Paese). È necessario indagare su eventuali legami causali tra i vaccini e decessi.

Summary of Preliminary Findings, Working Group for Covid Vaccine Analysis, 6 July 2022, pg.3

I campioni di sangue esaminati

Il Gruppo ha esaminato i campioni di sangue di 48 persone vaccinate.

Il confronto dei campioni di sangue, mediante microscopia in campo oscuro, tra individui non vacci nati e vacci nati, ha mostrato cambiamenti evidenti nel sangue di ogni persona che era stata vacci nata con il vaccino Covid-19.

Ciò era evidente anche se queste persone non avevano ancora mostrato alcuna reazione visibile alle vacci nazioni. Nei campioni di sangue dei vacci nati sono state trovate strutture complesse simili a quelle presenti nei vaccini. Utilizzando l’analisi delle immagini con l’intelligenza artificiale (AI), è stata confermata la differenza tra il sangue di persone vacci nate e non vacci nate.

Summary of Preliminary Findings, Working Group for Covid Vaccine Analysis, 6 July 2022, , pag. 3.

Utilizzando un piccolo campione di analisi del sangue vivo di individui vacci nati e non vacci nati, il Gruppo di Ricerca ha determinato che l’intelligenza artificiale (AI) è in grado di distinguere con un’affidabilità del 100% tra il sangue dei vacci nati e quello dei non vacci nati.

Ciò indica che i vacci ni Covid-19 possono modificare a lungo termine la composizione del sangue della persona vacci nata senza che questa se ne renda conto.

In tutti i campioni di sangue prelevati da persone vacci nate sono state trovate formazioni cristalline. “Stiamo continuando ad analizzare queste formazioni”, hanno sottolineato gli autori.

Il Gruppo ha anche osservato formazioni di rouleaux di globuli rossi in tutti i campioni vaccinati e “spesso ha osservato una disintegrazione insolitamente rapida dei diversi tipi di cellule nel sangue vacci nato”.

Di seguito sono riportate alcune delle numerose immagini incluse nel rapporto. Le descrizioni delle immagini sono autoesplicative.

Analisi del contenuto della fiala di vacci no

Nel primo video (vedi articolo originale) , è stato utilizzato un microscopio Zeiss Axiolab, per esaminare vari lotti del vaccino Comirnaty (Pfizer-BioNTech). Alla fine del video, vengono mostrati alcuni campioni di sangue di persone vacci nate.

Anche nei campioni di sangue sono state trovate strutture simili a quelle presenti nelle fiale del vaccino. Nel secondo video, a titolo di confronto, sono stati esaminati due vacci ni antinfluenzali. Le differenze rispetto al “vacci no” Covid della Pfizer sono chiaramente visibili.

Le fiale di vaccini di Pfizer-BioNTech, Moderna e AstraZeneca sono state analizzate con la microscopia elettronica a scansione (“SEM”) e la corrispondente spettroscopia a raggi X a dispersione di energia (“EDX”).

Sono stati rilevati i seguenti elementi prevalentemente metallici:

Gli autori hanno osservato che le prime indagini sul contenuto dei vaccini Johnson & Johnson (Janssen), Lubecavax e Influspit Tetra condotte con SEM e EDX non hanno finora mostrato segni di questo tipo di contaminazioni e particelle.

Per coloro che sono interessati agli effetti, alle pagine da 19 a 21 del rapporto, gli autori forniscono una breve indicazione medica di ogni elemento trovato secondo l’elenco sopra riportato.

Ad esempio, gli autori ipotizzano che:

“Da un punto di vista medico, il cesio non ha alcun valore terapeutico; al contrario, si dovrebbe ipotizzare che l’aggiunta di cesio perturbi l’equilibrio del potassio e possa causare la morte di cellule vitali (ad esempio, le cellule di difesa) per accelerare eventualmente l’effetto della vacci nazione o per evitare di mettere in pericolo tale effetto”.

Inoltre, è stato utilizzato un plasma accoppiato induttivamente (“ICP”) per esaminare il contenuto delle fiale di vaccino Moderna e Pfizer-BioNTech. Gli autori hanno sottolineato che i loro risultati dovrebbero essere verificati da altri gruppi, poiché era disponibile solo una piccola quantità di materiale campione.

Tuttavia, nel campione di Moderna, il gruppo ha trovato antimonio.

L’antimonio (Sb) è un elemento presente in natura ed è definito un metallo altamente tossico. Gli autori del rapporto hanno osservato che i composti organometallici dell’antimonio hanno un effetto antiprotozoario/ antiparassitario.

L’antimonio pentavalente (stibo[V]-gluconato di sodio), ad esempio, è usato per trattare la malattia parassitaria tropicale della leishmaniosi. L’antimonio si trova anche come adiuvante antiprotozoario in precedenti vaccini.

Esistono differenze di tossicità a seconda della valenza chimica: l’ossido di antimonio, così come può essere applicato come nanomateriale, è presente nella forma pentavalente.

La dose [nel campione del vaccino Covid di Moderna] non è risultata tossica secondo i risultati attualmente disponibili. Non è ancora chiaro in quale valenza sia presente l’antimonio nel vaccino Moderna testato. Finora non sono state pubblicate informazioni ufficiali sulla presenza di antimonio nel vaccino in generale.

L’antimonio può essere utilizzato come ossido di antimonio sotto forma di nanoparticelle. Le informazioni ufficiali sulla struttura delle nanoparticelle di Moderna, tuttavia, indicano una struttura liposomiale del rivestimento dell’mRNA. Non ci sono riferimenti all’antimonio.

[Con i risultati attualmente disponibili, l’ipotesi rimane che l’antimonio abbia un effetto immunosoppressivo.

Per quanto riguarda le conseguenze potenzialmente tossiche, va notato che come effetti collaterali dello stibogluconato di sodio pentavalente somministrato direttamente nel sangue, come molto probabilmente avviene nella valenza in Moderna, vanno considerati i seguenti: nausea, vomito, mialgia, cefalea, letargia e alterazioni dell’ECG; in caso di somministrazione prolungata, vanno segnalati polmonite, danni all’emocromo e disfunzioni epatiche. Quando si verificano, i danni più gravi riguardano soprattutto il fegato e il cuore. Questi sono tutti eventi clinici osservati dopo la vaccinazione.

Summary of Preliminary Findings, Working Group for Covid Vaccine Analysis, 6 July 2022, pgs.28, 29

Stabilità delle nanoparticelle lipidiche

L’mRNA ha bisogno di un involucro protettivo per entrare nelle cellule. Questo involucro protettivo è costituito da nano lipidi. I nano lipidi sono stabilizzati da strati di polietilenglicole (“PEG”). Il PEG è formato da catene di diversa lunghezza. La struttura di una particella nano lipidica che protegge l’mRNA è mostrata schematicamente qui sotto:

La stabilità dell’involucro della nanoparticella lipidica è strettamente correlata all’incidenza degli effetti collaterali e delle lesioni da vacci no. Quanto più stabile è l’involucro, tanto maggiore è la quantità di mRNA che penetra nelle cellule, dove poi avviene la produzione delle proteine spike. Questi risultati corrispondono a quelli dei patologi che hanno effettuato autopsie su persone decedute a causa di lesioni da vaccino. Le proteine spike sono state rilevate nei tessuti danneggiati. I ricercatori sospettano che la proteina spike sia di per sé tossica.

Summary of Preliminary Findings, Working Group for Covid Vaccine Analysis, 6 July 2022, pg.3

fonte: https://expose-news.com/2022/08/13/german-researchers-stop-vaccines-immediately/

traduzione: M. Cristina Bassi per www.thelivingspirits.net