Ogm + biotecnologie Medici controcorrente

Dr Mercola, obbligarci a cibo falso e supertrattato per distruggere la salute: è il prossimo passo dei globalisti

Scritto da Cristina Bassi

“…si stanno creando organismi OGM che non sono mai esistiti sulla terra prima d’ora; … questi organismi e i loro scarti non sono né commestibili né compostabili ”. “I globalisti stanno prendendo gli alimenti integrali e li stanno trasformando in cibi spazzatura ultra-processati, cercando di convincervi che il cibo spazzatura è più salutare per voi”.
Questo ed altro lo spiega il dr Mercola, nell’articolo che traduco nel seguito e che prendo ripostato su LifeSite News, poiché sappiamo che da tempo per ovviare alla censura, il dr Mercola tiene online pubblicamente i suoi articoli solo per 48 ore
———————————–

I tecnocrati globalisti sono intenzionati a monopolizzare l’intero approvvigionamento alimentare. Hanno già il monopolio dei cereali geneticamente modificati (Genetically Engineered) e hanno fatto progressi con i frutti di mare GE.

I prossimi obiettivi sono le carni e i sostituti dei latticini, prodotti in laboratorio. È in arrivo anche un‘alternativa al latte materno prodotta in laboratorio, si chiama Biomilq, ottenuta da tessuto mammario coltivato.

Un’altra azienda, Helaina, mira a creare glicoproteine “identiche a quelle presenti nel latte materno”, che possono essere aggiunte a una serie di formule per bambini. Potrebbero anche essere utilizzate nell’alimentazione degli anziani e, infine, in tutti i tipi di alimenti.

Molti noti globalisti hanno investito in queste finte imprese casearie. Tra gli investitori di Biomilq, ad esempio, figurano Bill Gates, Jeff Bezos, Mark Zuckerberg, Richard Branson, Masayoshi Son, Jack Ma, Michael Bloomberg e Marc Benioff.

Il primo prodotto Biomilq dovrebbe essere pronto per il mercato entro i prossimi tre-cinque anni. Altri prodotti a base di latte senza provenienza animale, dovrebbero arrivare sugli scaffali tra il 2023 e il 2024. Tra questi, il gelato prodotto con latte coltivato in laboratorio, che verrà inserito nella linea di prodotti Ben & Jerry’s.

Nel video dell’Environmental Health Symposium (qui), Alan Lewis illustra il processo di creazione della biologia sintetica. La biologia sintetica ha molti nomi, tra cui “fermentazione geneticamente modificata” e “prodotti di fermentazione di precisione”.
Sebbene ciò sembri abbastanza innocuo, i produttori di biologia sintetica raramente parlano di ciò che viene utilizzato nel mangime per far crescere l’organismo bersaglio o di ciò che accade ai rifiuti alla fine del processo di fermentazione. È comprensibile, perché entrambi sollevano una serie di seri quesiti.

Quali sono gli ingredienti di base?

Come spiegato da Lewis, gli ingredienti di base dei prodotti di biologia sintetica fermentati sono zuccheri a basso costo derivati da mais e soia GE. Tutte le colture GE sono coltivate in monocolture distruttive per l’ambiente, con sovvenzioni dei contribuenti, e utilizzano un sacco di erbicidi come il glifosato, pesticidi come i neonicotinoidi e fertilizzanti sintetici. Di conseguenza, sono pieni di residui chimici che finiscono nel prodotto finale.

Oltre a una base di zuccheri, al fermento possono essere aggiunti centinaia di altri ingredienti per ottenere il prodotto finale desiderato, come una determinata proteina, un colore, un sapore o un profumo.

Come spiegato da Lewis, il microrganismo più utilizzato nel processo di fermentazione è l’E.coli. L’E.coli viene modificato geneticamente per produrre il composto desiderato attraverso il suo processo digestivo.

Deve anche essere resistente agli antibiotici, poiché deve sopravvivere agli antibiotici utilizzati per eliminare altri organismi indesiderati nella vasca.

Oltre al metabolita target desiderato, questi organismi modificati geneticamente possono emettere un numero qualsiasi di metaboliti non target , che hanno conseguenze ambientali ed effetti sulla salute del tutto sconosciuti.

Scelte Alimentari non Autorizzate — Libro

Come vengono creati i fermenti di biologia sintetica?

Come spiega Lewis, i vari ingredienti del “mangime” vengono messi in un bioreattore di fermentazione a 87-90 gradi Fahrenheit per un tempo variabile da

24 a centinaia di ore per far crescere il microrganismo target.

Gli organismi bersaglio nel fermento consumano i nutrienti di cui hanno bisogno e ciò che rimane dopo l’estrazione di questi organismi è un rifiuto biologico pericoloso.

È importante notare che mentre i processi di fermentazione tradizionali, come la produzione di birra, producono prodotti di scarto che sono commestibili per gli animali, compostabili e non presentano rischi biologici, lo stesso non si può dire per questi fermenti di biologia sintetica OGM.

I rifiuti biologici devono essere prima disattivati e poi smaltiti in modo sicuro. Non possono finire in discarica.

È importante rendersi conto che si stanno creando organismi OGM che non sono mai esistiti sulla terra prima d’ora, che questi organismi e i loro scarti non sono né commestibili né compostabili e che ci sono rischi sconosciuti legati al rilascio involontario o intenzionale di questi organismi nell’ambiente.

Potrebbero anche dare origine a nuove malattie di origine alimentare. Inoltre, poiché gli antibiotici vengono utilizzati per prevenire la crescita di organismi indesiderati nei fermenti, gli organismi resistenti agli antibiotici vengono automaticamente integrati nel prodotto finale.

I tipi di malattie alimentari che potrebbero essere causate dall’E.coli geneticamente modificato e dai suoi metaboliti sono, a questo punto, un’incognita. Nessuno sa che aspetto potrebbero avere tali malattie.

Una falsa giustificazione per falsi cibi

La giustificazione per creare cibo da biologia sintetica, compresi i sostituti del latte, è quella di prevenire e invertire il “cambiamento climatico”. Come riportato dalla CNBC nel giugno 2020:

La co-fondatrice e CEO di Biomilq Michelle Egger... e la sua co-fondatrice, la CSO [Chief

Strategic Officer?] Leila Strickland, sperano che il latte materno prodotto da Biomilq, dalle colture di cellule epiteliali mammarie, contribuisca a ridurre l’impronta di carbonio dal mercato globale per le formule per neonati…

Dalle stime che siamo riusciti a fare, in questo momento almeno il 10% del mercato lattiero-caseario globale finisce con l’essere nel latte per neonati”, ha detto Eggers.

Ciò significa che negli Stati Uniti, per ogni alimento per neonati, si producono 5.700 tonnellate metriche di CO2 e si consumano 4.300 galloni di acqua dolce all’anno per nutrire un bambino. I genitori vogliono fare ciò che è meglio per i loro figli, ma non dovrebbero decidere tra nutrire i loro figli e proteggere il pianeta”.

Sebbene la spinta alla biologia sintetica si fondi sull’idea che essa in qualche modo salverà l’ambiente dalle devastazioni prodotte dall’agricoltura industriale, dagli allevamenti concentrati (CAFO) e dalle monocolture, ciò è incredibilmente fuorviante, perché non tiene conto del fatto che ci sono modi di coltivare che sono benefici per l’ambiente.

Dovremmo in realtà passare a quelli, invece di fare la transizione verso laboratori aziendali dove tutto ciò che ne esce è un rischio biologico.

La produzione di cibo finto crea prodotti di scarto tossici

Nel febbraio 2021, il Good Food Institute (GFI), un gruppo no-profit che si occupa dell’industria delle proteine alternative, ha pubblicato un’analisi tecno-economica sulla carne coltivata, preparata dalla società di consulenza CE Delft.

In essa è stato sviluppato un modello per ridurre i costi attuali della produzione di carne coltivata fino a un punto che la renderebbe economicamente fattibile in impianti su larga scala entro il 2030, un modello che è stato definito “fattibile”.

Nel tentativo di creare carne coltivata sulla scala necessaria per sfamare il mondo, i problemi logistici sono numerosi e forse insormontabili. Ci sono da gestire i prodotti di scarto – i cataboliti – , poiché anche le cellule coltivate espellono rifiuti tossici.

Anche l’ossigeno e le sostanze nutritive devono essere distribuite adeguatamente a tutte le cellule, cosa difficile in un reattore di grandi dimensioni. Agitare le cellule più velocemente o aggiungere più ossigeno può aiutare, ma ciò può causare uno stress fatale alle cellule.

Anche i “benefici” per l’ambiente non sono affatto chiari, se si tiene conto della produzione di soia e dell’uso di fonti energetiche convenzionali.

L’analisi del ciclo di vita effettuata dal GFI ha evidenziato che la carne coltivata potrebbe essere peggiore per l’ambiente, rispetto al pollo e al maiale prodotti in modo convenzionale.

Mangiar Sano e Naturale — Libro  Il Codice della Nutrizione — Libro  La Sicurezza degli OGM — Libro

Il ripetersi di un sistema fallito

Eppure, la spinta alla creazione della biologia sintetica continua. Nella prefazione al rapporto di Navdanya International “False soluzioni che mettono in pericolo la nostra salute e danneggiano il pianeta”, Vandana Shiva spiega come gli alimenti coltivati in laboratorio siano catastrofici per la salute umana e per l’ambiente, poiché ripetono gli errori già commessi con l’agricoltura industriale:

“In risposta alle crisi del nostro sistema alimentare, stiamo assistendo all’ascesa di soluzioni tecnologiche che mirano a sostituire i prodotti animali e altri alimenti di base con alternative coltivate in laboratorio. I sostenitori degli alimenti artificiali ripropongono la vecchia e fallimentare retorica secondo cui l’agricoltura industriale è essenziale per nutrire il mondo.

Il cibo vero e ricco di nutrienti sta gradualmente scomparendo, mentre il modello agricolo industriale dominante sta causando un aumento delle malattie croniche e aggravando il cambiamento climatico.

L’idea che il cibo di laboratorio high-tech e “senza fattorie” sia una soluzione praticabile alla crisi alimentare non è altro che la continuazione della stessa mentalità meccanicistica che ci ha portato al punto in cui siamo oggi: l’idea che siamo separati dalla natura e al di fuori di essa.

I sistemi alimentari industriali hanno ridotto il cibo a una merce, a una “roba” che può essere costituita in laboratorio. In questo modo, la salute del pianeta e la nostra salute sono state quasi distrutte.”

Io Non mi Ammalo! — Libro  Trasforma il Grasso in Energia — Libro  Le Ricette Chetogeniche — Libro

I cibi creati in laboratorio sono cibi spazzatura

È importante rendersi conto che tutti gli “alimenti” creati in laboratorio sono ultra-lavorati e probabilmente impartiranno lo stesso tipo di effetti negativi sulla salute di altri alimenti ultra-lavorati.

Nel 2018, Friends of the Earth (FOE), un gruppo ambientalista della società civile, ha pubblicato un rapporto che poneva domande critiche sulla tendenza alla biologia sintetica. In esso si sottolineava la natura altamente industrializzata di questi prodotti:

Per realizzare alcuni di questi prodotti vengono impiegati diversi “ausili di fabbricazione”, tra cui organismi (come batteri, lieviti e alghe geneticamente modificati) che producono proteine e sostanze chimiche per estrarre le proteine.

Ad esempio, sostanze chimiche come l’esano vengono utilizzate per estrarre componenti di un alimento, come le proteine (da piselli, soia, mais, ecc.) o composti (da batteri geneticamente modificati) per produrre gomma di xantano… Non viene richiesto che tali ingredienti siano resi pubblici.

Anche altri ausili per la lavorazione (ad esempio batteri, lieviti, alghe), compresi quelli geneticamente modificati per produrre proteine, non sono attualmente soggetti all’obbligo di indicazione sull’etichetta della confezione. La mancanza di trasparenza rende difficile valutare gli input e l’impatto del loro utilizzo.

Sostanzialmente, ciò che la cabala globalista sta cercando di fare è eliminare i metodi di coltivazione convenzionali, come l’allevamento di bovini per la produzione di carne e latticini, e sostituirli con riproduzioni sintetiche e brevettate.

In breve, stanno prendendo alimenti integrali e li stanno trasformando in cibi spazzatura ultra-lavorati, cercando di convincervi che il cibo spazzatura è più salutare per voi.

La biologia sintetica fa parte dello schema di controllo

A parte i potenziali rischi per la salute, gli alimenti coltivati in laboratorio si basano su monocolture che distruggono il suolo, con conseguente rilascio di carbonio. Ecco che la giustificazione del cambiamento climatico crolla.

Poiché la biologia sintetica si basa sulla monocoltura OGM, crea proprio ciò che sostiene di contrastare: il degrado ambientale che si traduce in cambiamenti climatici.

Come ha osservato Lewis, la biologia sintetica, che è l’ultima aggiunta al sistema alimentare con brevetti e che riguarda gli organismi geneticamente modificati (OGM), comporta anche un massiccio spostamento della proprietà e della concentrazione della ricchezza… e del controllo sul nostro approvvigionamento alimentare”.

In breve, la biologia sintetica crea dipendenza dall’industria che può essere usata per manipolare e controllare la popolazione in molti modi.

A lungo termine, le persone finiranno per perdere il know-how necessario per produrre il proprio cibo con metodi tradizionali, e questo potrebbe essere parte del piano.

La cabala globalista intende creare un unico governo mondiale, e quale migliore strumento di controllo se non quello di rendere tutti completamente dipendenti dallo Stato per l’approvvigionamento alimentare?

Proteggete la vostra salute evitando cibi Frankenstein

La spinta verso le alternative vegetali al cibo animale vero e proprio, sia esso carne o latticini, non è dovuta alla salute, o addirittura al sostegno di diete vegane o vegetariane. Chi è veramente interessato a seguire una dieta a base vegetale può farlo mangiando vere piante, dopotutto, e così facendo può godere dei molti benefici per la salute che il consumo di alimenti vegetali offre.

Qui si tratta di creare un sistema di controllo attraverso il cibo. È anche un modo per controllare la salute delle persone.È già noto che il consumo di alimenti ultra-lavorati contribuisce all’insorgere di malattie, ma la carne e i latticini finti fabbricati possono comportare ulteriori rischi sconosciuti.

Chi beneficia della cattiva salute, ovviamente, è Big Pharma. L’industria degli alimenti trasformati ha trascorso molti decenni a promuovere malattie croniche che vengono poi trattate con farmaci piuttosto che con una dieta migliore.

Gli alimenti sintetici saranno probabilmente un fattore ancora più importante per la salute cronica e la morte precoce.

Il fatto è che la carne e i latticini finti non possono sostituire il complesso mix di nutrienti che si trova nella carne e nei latticini nutriti con erba, ed è probabile che il consumo di alternative di carne e latte ultra-processate possa portare a molti degli stessi problemi di salute causati da una dieta a base di alimenti trasformati.

Quindi, se volete proteggere davvero la vostra salute e l’ambiente, evitate gli pseudo-alimenti che richiedono brevetti e limitatevi a quelli che si trovano in natura.

Fonte: https://www.lifesitenews.com/opinion/ultra-processed-fake-food-is-next-step-in-globalist-plans-to-destroy-health/?utm_source=telegram

traduzione: M. Cristina Bassi, per www.thelivingspirits.net

Miss Inco-Scienza ancora Gravida? — Libro

altri articoli da LifeSite News su questo sito
Altri articoli del dr Mercola su questo sito