Energia e frequenze di guarigione Nuovasalute

I benefici della Frequenza Schumann sulla nostra salute e il dispositivo di biofrequenze Vitazapper®

Scritto da Cristina Bassi

Le varie ricerche negli anni ci hanno mostrato come la Frequenza Schumann agisca beneficamente sul corpo umano. Con il dispositivo di biofrequenze e zapper (Clark e Beck), il Vitazapper ® , che ho già presentato qui, è anche possibile inviare la frequenza Schumann al proprio corpo.

Si tratta della frequenza che si estende su tutta la terra e che può influenzare positivamente l’organismo umano e che viene chiamata appunto risonanza Schumann.

Che cos’è la frequenza di Schumann?

La frequenza Schumann risale all’omonimo inventore, il fisico Winfried Otto Schumann. La sua invenzione, la frequenza di Schumann, viene utilizzata per descrivere alcune frequenze che producono onde lungo la circonferenza della terra, le cosiddette onde di corrente stazionaria.

La frequenza di Schumann descrive quindi il modello di oscillazione della Terra, che è di 7,83 Hertz. Tale modello di oscillazione terrestre viene mantenuto con l’energia dei fulmini.

Circa 50 fulmini al secondo colpiscono la ionosfera, che si trova tra i 50 e i 100 chilometri sopra la superficie terrestre e si estende per diverse centinaia di chilometri nello spazio. Ogni fulmine genera onde elettromagnetiche che orbitano intorno alla Terra all’interno del suo spazio vuoto tra la superficie terrestre e la ionosfera.

Una risonanza di Schumann, o oscillazione naturale della Terra, si genera ogni volta che alcune di queste onde hanno la stessa lunghezza d’onda o sono più lunghe della circonferenza della Terra. Le frequenze Schumann sono onde a frequenza estremamente bassa.

Sono fino a centomila volte più basse delle onde radio, ad esempio. Gli scienziati ipotizzano che la frequenza Schumann sia dovuta all’attività elettrica nell’atmosfera.

Che effetto ha la frequenza di Schumann sull’organismo umano?

Sebbene la frequenza di Schumann sia un’onda a bassa frequenza, essa ha un’influenza immensa sull’uomo. Numerosi studi hanno dimostrato che la ghiandola pineale riceve questa frequenza Schumann e la pineale controlla tutti i nostri processi corporei.

I cronoastrobiologi, ad esempio, hanno scoperto che la frequenza di Schumann ha una grande influenza sulla regolazione degli ormoni umani [e gli ormoni influenzano le emozioni che influenzano i comportamenti…] .

Ma non solo. La frequenza di Schumann è anche l‘orologio del nostro cervello, poiché attiva il sistema limbico. Si tratta di un’area del cervello responsabile delle emozioni.

Gli esperimenti hanno dimostrato che le persone esposte artificialmente alla risonanza Schumann hanno potuto avere cambiamenti positivi nel loro stato mentale. Si sono sentiti subito molto meglio, più motivati e sono riusciti a dormire meglio.

I ricercatori hanno anche scoperto che la frequenza Schumann può essere utilizzata anche per trattare stati di malattia. Hanno osservato che attraverso la frequenza Schumann, le cellule malate entrano in connessione con quelle sane. La conseguenza è quindi un miglioramento delle condizioni.

Esperimenti con la frequenza di Schumann

Studi condotti da E. Jacobi all’Università di Düsseldorf, hanno dimostrato che l’assenza di onde Schumann porta a problemi di salute mentale e fisica negli esseri umani.

Anche il professore di fisiologia comportamentale R. Wever, dell’Istituto Max Planck, è riuscito a dimostrare qualcosa di simile. In uno studio, Wever iniziò a costruire un bunker sotterraneo a Erling-Andechs, che schermava completamente i campi magnetici.

Gli studenti che hanno partecipato a questo esperimento hanno vissuto nel bunker per quattro settimane. Wever scoprì che durante queste quattro settimane i ritmi circadiani degli studenti erano cambiati.

Il ritmo circadiano è la capacità dell’organismo di sincronizzare i processi fisiologici per circa 24 ore. Wever ha anche notato che molti studenti lamentavano difficoltà emotive e/o emicranie. Questi problemi sono scomparsi quando gli studenti hanno lasciato il bunker.

Sulla base di questi risultati, Wever concluse che esisteva una connessione diretta tra l’organismo umano e la pulsazione della terra, la cosiddetta risonanza di Schumann.

Solo un’improvvisa riduzione della circonferenza della Terra o una variazione della velocità della luce (fattori che influiscono sul calcolo della risonanza Schumann) potrebbero modificare la frequenza di Schumann.

Le tesi che invece sostengono che la risonanza di Schumann cambi nel tempo, sono da ricondursi alla creazione artificiale di nuovi campi elettromagnetici da parte dell’uomo.

Come è stata scoperta la frequenza di Schumann?

Nel 1893, il fisico irlandese George Francis Fitzgerald sviluppò l’ipotesi che l’atmosfera potesse essere utilizzata come conduttore di elettricità. Come membro del gruppo dei cosiddetti “maxwelliani”, Fitzgerald sostenne la teoria del campo elettromagnetico.

Questo campo elettromagnetico interagisce con le cariche elettriche nello spazio e può manifestarsi anche in assenza di cariche elettriche. Fitzgerald riuscì a misurare un’oscillazione elettromagnetica di circa 0,1 secondi per gli strati dell’atmosfera allora conosciuti.

Si trattava della modalità più bassa della risonanza Schumann. Solo in seguito, con l’ipotesi dell’esistenza di una ionosfera (1902) e con la prova sperimentale di questa nel 1925, fu possibile dimostrare anche superiori risonanze Schumann.

Questa prima ipotesi di Fitzgerald, secondo cui l‘atmosfera agisce come conduttore di elettricità, fu successivamente elaborata da Schumann. Schumann ipotizzò che una sfera generasse una tensione elettrica in un’altra sfera e che quindi dovesse esistere una rapporto di tensione tra queste due sfere.

Nel corso delle sue ricerche, Schumann distinse frequenze comprese tra 6 e 50 cicli. Delle otto frequenze Schumann totali, solo quattro si trovavano nella gamma delle frequenze estremamente basse (ELF), cioè nell’intervallo tra 3 e 30 Hertz, che di conseguenza possono avere un effetto diretto sulle seguenti gamme di frequenza del cervello:

Onde alfa: Intervallo di frequenza compreso tra 7 e 14 Hz prodotto dal cervello in uno stato di veglia rilassata, cioè appena prima di addormentarsi, dopo il risveglio e/o durante la meditazione.

Onde beta: Le frequenze comprese tra 14 e 30 Hz sono generate dal cervello in stato di allerta e di veglia. Le persone esposte a lungo alla gamma di onde beta si sentono molto stressate e la loro creatività è limitata.

Onde theta: Le frequenze comprese tra 3 e 7 Hz sono generate dal cervello in uno stato di sogno, di rilassamento, di creatività e/o di intuizione.

Onde delta: Le frequenze comprese tra 0,5 e 3 Hz sono prodotte dal cervello durante il sonno profondo.

Mediante dispositivi EEG è stato possibile dimostrare che le onde alfa e theta prodotte dal cervello umano si sincronizzano con la frequenza di Schumann. Entrambe le frequenze cerebrali si basano su una risonanza rilassata, sognante o sonnolenta, sulla quale avvengono anche la generazione cellulare e i processi di guarigione.

Tutto ciò che esiste ha una certa gamma di frequenze. Due frequenze sintonizzate in modo sincrono tra loro, come nel caso delle onde alfa e theta e della frequenza Schumann, si influenzano a vicenda. Se le frequenze di Schumann non si muovono in modo sincronico l’una con l’altra, si verificano dei disturbi, cioè delle disarmonie.

Poiché il cervello umano è in risonanza con le frequenze di Schumann, questi disturbi hanno un effetto diretto sul nostro pensiero e sul nostro essere. Squilibrano il sistema nervoso centrale, il sistema nervoso simpatico, che rifornisce soprattutto i visceri, e il sistema nervoso parasimpatico, responsabile della struttura e dei tessuti e delle funzioni corporee necessarie.

Questo squilibrio colpisce il corpo, la mente e lo spirito. Le persone possono reagire a questo fenomeno con disturbi del sonno e/o sbalzi d’umore. Ne possono derivare anche disturbi fisici come mal di testa, difficoltà di concentrazione e/o stati depressivi.

Utilità della frequenza di Schumann nelle malattie e per il benessere generale

Quando i medici parlavano di sensibilità alle condizioni atmosferiche o di malinconia indotta dalle piogge e di depressione causata dalle giornate grigie, di solito venivano liquidati come ciarlatani.

Nel frattempo, numerosi esperimenti scientifici hanno dimostrato che l’organismo umano funziona come un meccanismo molto complesso e dipende anche da fattori esterni. Quindi, non c’è solo una connessione tra corpo e mente, ma anche un’influenza da parte dell’ambiente.

Molti studi hanno dimostrato che le persone che si sincronizzano con la frequenza di Schumann di 7,83 Hz presentano fattori fisici e psicologici migliori rispetto alle persone in disarmonia:

migliori prestazioni di apprendimento e memoria,
maggiore equilibrio e tendenza a ridurre i sintomi del jet-lag,
miglioramento della tolleranza allo stress.

Il neuropsicologo e psicoterapeuta Herbert König può essere citato come prova della connessione tra i ritmi cerebrali e le risonanze Schumann. Fu il successore di Schumann all’Università di Monaco e confrontò i campi elettromagnetici presenti naturalmente nell’ambiente con le registrazioni EEG umane.

Scoprì che le onde alfa controllate dal cervello si trovano nella stessa gamma di frequenze delle risonanze di Schumann. König e i suoi colleghi studiarono questo fenomeno e dimostrarono che l‘attività elettromagnetica che si verifica nella cavità di risonanza della terra può essere sincronizzata con i ritmi cerebrali.

Queste conoscenze possono essere applicate a scopi medici. Schumann inventò appositamente il suo cosiddetto dispositivo Schumann, con il quale si poteva ricreare la frequenza Schumann come autoterapia a casa o in istituti medici.

Riferimento: https://www.frequenz-therapie.com/themen/basiswissen-frequenztherapie/schumann-frequenz-7-83-hz