Medici controcorrente Nuovasalute

Il dr. Schüssler e i suoi sali per la salute. Anche per il sistema nervoso ed immunitario

Scritto da Cristina Bassi

Wilhelm Heinrich Schüßler nacque il 21 agosto 1821 a Zwischenahn, Germania. Crebbe in condizioni di povertà, cosa che gli impedi di accedere ad una istruzione superiore. Solo a 30 anni Schüßler potè iniziare uno studio medico, dopo anni di lavoro come insegnante di lingue.

Studiò nelle università di Parigi, Berlino, Giessen e Praga e già allora si interessava di omeopatia. Nel 1858 il Dr. Schüßler aprì il suo studio medico omeopatico a Oldenburg. Considerava l’omeopatia troppo complessa e legata ad un metodo di cura impegnativo, così elaborò un modo per semplificarla.

Rudolf Virchow

Venne influenzato dal lavoro di Rudolf Virchow, che scoprì che le cellule patologicamente mutate, sono responsabili di tutti i tipi di malattie.

Dopo uno studio dettagliato su questo argomento, Il Dr. Schüßler scoprì che la mancanza di sali minerali porta a questi cambiamenti patologici nelle cellule.

Di conseguenza, il corpo può essere guarito e mantenuto permanentemente sano grazie ad un sufficiente apporto di sali minerali. Con questa terapia gli riuscì di avere successo nella cura di svariate malattie.

Nel 1874 il Dr. Schüßler pubblicò il suo fondamentale articolo “Una terapia abbreviata, basata sull’istologia e sulla patologia cellulare”, in cui descrive le sue scoperte e la funzione dei 12 sali.

Incontrò (che caso…ndt) forti critiche da parte dei suoi colleghi, che consideravano troppo semplificato il suo metodo di guarigione

Fino alla sua morte, avvenuta il 30 marzo 1898, ill dr. Schüßler mantenne il suo metodo, che chiamò “biochimica”, da “chimica”, la scienza degli elementi, e “bios”, la vita.

Come avviene ancora oggi la produzione dei Sali di Schuessler

La produzione dei sali di Schüßler avviene secondo metodi omeopatici diluendo il minerale con lattosio per sfregamento, scuotimento o frantumazione. I sali di Schüßler hanno la denominazione di diluizione D6 per le sostanze solubili in acqua (ovvero i Sali di Schüßler  n. 2, n. 4, n. 5, n. 6, n. 7, n. 8, n. 9, n. 10, n. 12) o D12 per le sostanze non solubili in acqua (n. 1, n. 3, n. 12).

La D6 corrisponde ad una diluizione di 1:1.000.000.000 e la D12 ad una diluizione di 1:1.000.000.000.000. Ogni compressa contiene quindi solo la più piccola quantità di sostanza minerale, in quanto si suppone che agisca a livello sottile (informazionale, diremmo… ndt) nelle cellule del corpo.

I Sali di Schüssler come aiuto al sistema immunitario…

Con i Sali Schüssler, possiamo aiutare anche il sistema immunitario, rafforzandolo per la stagione fredda, in modo che un’influenza o un raffreddore possano essere evitati oppure avere un decorso senza complicazioni o più breve.

I seguenti sali di Schüssler utilizzati per rafforzare il sistema immunitario, non solo lo rafforzano, ma combattono anche la fatica, riducono la sensibilità agli agenti atmosferici, armonizzano e vitalizzano:

Nr. 1 Calcium fluoratum

Nr. 3 Ferrum phosphoricum

Nr. 7 Magnesium phosphoricum

 

Alcune indicazioni standard su come usare questi Sali (come da indicazione della fonte originale tedesca di questo articolo), che ovviamente non sostituiscono il parere del vostro medico.

Come inizio della cura, prendere 3 compresse ciascuno dei sali sopra citati e scioglierli in acqua calda. La bevanda viene poi bevuta a piccoli sorsi.

Per i 3 giorni successivi, prendere 1 compressa di ciascuno dei 3 sali di Schüssler, 6 volte al giorno. Ricordatevi di bere un grande bicchiere d’acqua dopo per eliminare eventuali tossine.

Dopo questi 3 giorni, l’assunzione dei sali di Schüssler avviene solo 3 volte al giorno.

La cura con il sale di Schüssler per rafforzare il sistema immunitario richiede circa 3-6 settimane.

I Sali di Schüssler come aiuto al sistema nervoso e stress

Soprattutto al giorno d’oggi,  molte persone soffrono di stress, che inibisce anche il sentirsi sereni nell’affrontare i  vari compiti della vita ordinaria. Le conseguenze di questo stress possono portare ad una mancanza di concentrazione, alla dimenticanza, alla stanchezza e persino l’esaurimento. Se non si contrasta questo e non si “de-stressa” la propria vita, queste continue tensioni possono portare alla depressione o al burn-out, uno stato di totale esaurimento.

La cura antistress e per il sistema nervoso presentata con i sali di Schüssler, rafforza anche la psiche in modo naturale e aiuta ad avere un maggiore equilibrio.

I seguenti sali si sono dimostrati efficaci in questo senso, ciascuno nel potenziamento D6:

Nr. 2 Calcium phosphoricum

Nr. 5 Kalium phosphoricum

Nr. 7 Magnesium phosphoricum

Come cura, prendete 2 compresse di ogni sale 3 volte al giorno e non dimenticate di bere un grande bicchiere d’acqua dopo, in modo che le tossine possano essere eliminate dal corpo più rapidamente.

La cura antistress viene normalmente effettuata per un periodo di 4 settimane, ma può anche essere prolungata se lo stress continua. In genere è possibile assumere i sali n. 5 e n. 7 anche per un lungo periodo di tempo per ottenere l’effetto desiderato.

Ma è anche molto importante che, oltre alla cura con i sali di Schüssler, si contribuisca a de-stressare la propria vita, sia attraverso specifici momenti di riposo, corsi per il rilassamento e la gestione dello stress, la meditazione o la riduzione dello stress nel lavoro e nella vita quotidiana.

Sul Kalium Phosphoricum in particolare:

Potassio fosforico (Kalium Phosphoricum) si trova nel sangue, nel cervello, nelle cellule nervose e dei muscoli e nel liquido interstiziale.

È il rimedio per le infiammazioni nervose e cardiache e ha un effetto antisettico. Uno dei compiti principali del potassio fosforico è quello di garantire la capacità di funzionamento delle nostre cellule cerebrali. Se manca, le conseguenze sono debolezza della memoria, ansia, timidezza, claustrofobia e depressione. Il Kalium Phiosphoricum può essere usato anche contro gli stati di esaurimento.

In caso di febbre è un buon rimedio per sostenere l’organismo nel suo processo di pulizia e per rafforzare nuovamente la vitalità.

Il Kalium Phosphoricum è indicato in caso di debolezza muscolare e dolore, che all’inizio del movimento peggiora, ma poi migliora con movimenti leggeri e peggiora di nuovo con uno sforzo maggiore e quindi limita anche la mobilità.

Una costante mancanza di potassio fosforico può portare al decadimento dei tessuti e alla paralisi. Una chiara indicazione di mancanza di potassio fosforico è una costante sensazione di esaurimento e di mancanza di energia

Disturbi per cui questo rimedio può essere d’aiuto:

Ansia
Intossicazione del sangue
Depressioni
Esaurimento (fisico, mentale, emotivo)
debolezza della memoria
malattie cardiache e muscolari
Iperattività nei bambini
Mancanza di concentrazione
Crampi
Perdita circolare di capelli
Paralisi
Alito cattivo
Dolore nervoso allo stomaco
Insonnia nervosa
Senso di abbattimento
Gengive sanguinanti

Fonte: https://schuessler-salze.org/dr_heinrich_schuessler/

Traduzione: M.Cristina Bassi per www.thelivingspirits.net

Desclaimer:
Le presenti informazioni sono solo a scopo culturale ed informativo. Non sostituiscono la consultazione con il proprio medico o terapeuta