Medici controcorrente Nuovasalute

Uno studio indica il Coronavirus come una minaccia per l’intero sistema nervoso

Scritto da Cristina Bassi

Nel seguito traduco un interessante articolo di medicine.news (USA)  che cita ricerche di scienza “ufficiale” sulla correlazione covid-19 e minacce al sistema nervoso.

———————–

Una nuova revisione sui sintomi dell’infezione coronavirus dice che, oltre ai polmoni, il covid-19 di Wuhan, rappresenta una minaccia all’intero sistema nervoso.

Nello studio, pubblicato su Annals of Neurology (1), dei ricercatori della Northwestern Medicine hanno fatto osservare che circa la metà dei pazienti COVID-19 ospedalizzati, aveva manifestazioni neurologiche della malattia. Questi includevano vertigini, mal di testa, dolori muscolari, diminuzione dello stato vigile, difficoltà di concentrazione, disturbi dell’olfatto e del gusto, convulsioni e ictus.

Igor Koralnik, MD, Neurology

 

“È importante che il pubblico in generale e i medici siano consapevoli di questo, perché un’infezione da SARS-CoV-2 può inizialmente presentarsi con sintomi neurologici, prima che si verifichino febbre, tosse o problemi respiratori”, così ha detto l’autore principale, il  Dr. Igor Koralnik, professore di neurologia presso la Northwestern University Feinberg School of Medicine e capo delle malattie neuro-infettive e neurologia globale presso la Northwestern Medicine.

Si è visto che il COVID-19 causa sintomi neurologici

Gli esperti, già da un po’ di tempo, sanno che il virus SARS-CoV-2 responsabile del COVID-19, attacca il sistema nervoso Già a febbraio i ricercatori stavano esaminando le numerose manifestazioni neurologiche della malattia.

In una lettera all’editore del New England Journal of Medicine, un gruppo di medici italiani ha notato come alcuni dei pazienti di COVID-19 che stavano curando, avessero sviluppato la sindrome di Guillain-Barre. Questo disturbo neurologico vede il sistema immunitario del paziente rispondere a un’infezione, solo che attacca erroneamente le cellule nervose, provocando debolezza muscolare e persino la paralisi.

Una lettera editoriale simile, pubblicata su Travel Medicine and Infectious Disease, descriveva come i pazienti COVID-19 in Cina avesserono sviluppato l’encefalite – il gonfiore e l’infiammazione del cervello.

Uno studio più ampio sui pazienti di COVID-19 a Wuhan – il punto focale della pandemia globale – aveva fatto notare che il 36% dei pazienti mostrava manifestazioni neurologiche. Questi andavano da sintomi lievi come mal di testa e vertigini – probabilmente causati da una robusta risposta immunitaria – a sintomi più specifici e gravi come la perdita di odore e gusto, debolezza muscolare, convulsioni, ictus e allucinazioni.

Lo stesso studio ha anche notato che questi sintomi si manifestano più spesso nei casi gravi di COVID-19, con stime che vanno dal 46 all’84 per cento. (Si veda anche:  Yes, it’s REAL: Coronavirus patients are losing their sense of smell and taste – and aren’t getting them back – Si, èVERO: i pazienti affetti da coronavirus stanno perdendo l’olfatto e il gusto – e non li stanno recuperando-).

Il Cervello Infinito — Libro

Come il COVID-19 colpisce il sistema nervoso

Mentre la maggior parte degli studi precedenti hanno esaminato specifiche manifestazioni neurologiche, la revisione della Northwestern Medicine si è concentrata sull’esame di tutti i possibili sintomi neurologici derivanti da COVID-19 e sul come diagnosticarli.

Sulla base di quanto osservato, Koralnik e il suo team ritengono che il COVID-19 possa colpire l’intero sistema nervoso, compreso il cervello, il midollo spinale, i nervi e i muscoli.

Poiché il virus attacca anche altri organi, come i polmoni, i reni e il cuore, il cervello può anche soffrire di mancanza di ossigenazione o di disturbi della coagulazione che possono portare a ictus emorragici o ischemici. Il virus può anche infettare direttamente il cervello e le meningi

Inoltre, la reazione del sistema immunitario a questa infezione può causare un’infiammazione che può causare danni ai nervi e al cervello.

Koralnik e i suoi colleghi hanno di conseguenza formato un team di ricerca “Neuro-COVID”. Il team ha iniziato un’analisi retrospettiva di tutti i pazienti COVID-19 ricoverati presso la Northwestern Medicine, per determinare i tipi di complicazioni neurologiche che hanno dovuto affrontare, la frequenza con cui si sono verificate e la risposta dei pazienti al trattamento.

La Medicina della Consapevolezza nei trattamenti, anche a distanza,  di riequilibrio energetico con  SCIO. ” la maggior parte delle nostre azioni non sono dettate dalla logica, dalla mente verbale, ma giungono invece dal profondo subconscio”. Per INFO trattamenti (citare trattamenti SCIO nell’oggetto)

I ricercatori stanno ancora esaminando gli effetti a lungo termine della malattia.

Attualmente, c’è una limitata conoscenza delle conseguenze a lungo termine delle manifestazioni neurologiche di COVID-19. Per affrontare questo, Koralnik e il suo team seguiranno anche alcuni dei risultati del Northwestern Medicine in un nuovo ambulatorio.

L’équipe sta cercando di determinare se una delle manifestazioni neurologiche della malattia è permanente o se è solo temporanea. Uno studio simile condotto in Francia ha già identificato che i cambiamenti di consapevolezza osservati in casi gravi di COVID-19, come disorientamento, disattenzione e disturbi del movimento, possono persistere dopo il recupero.

Secondo Koralnik, studi come questi forniranno una base per diagnosticare, gestire e trattare le numerose manifestazioni neurologiche del COVID-19.

Le Guarigioni del Cervello — Libro

(1) Traduzione del documento di Annals of Neurology:

” In meno di 6 mesi, la grave sindrome respiratoria acuta-coronavirus di tipo 2 (SARS-CoV-2) si è diffusa in tutto il mondo infettando quasi 6 milioni di persone e uccidendo oltre 350.000 persone. Inizialmente si pensava che fosse limitata al sistema respiratorio, ora sappiamo che la malattia coronavirus 2019 (COVID-19) coinvolge anche molti altri organi, compreso il sistema nervoso centrale e periferico.

Il numero di manifestazioni neurologiche riconosciute dell’infezione da SARS-CoV-2 si sta rapidamente accumulando. Queste possono derivare da una varietà di meccanismi, tra cui gli stati iper-infiammatori e ipercoagulabili indotti dal virus, l’infezione diretta del sistema nervoso centrale e i processi immunitari post-infettivi mediati.

Esempi di malattia del SNC COVID-19 includono encefalopatia, encefalite, encefalomielite acuta disseminata, meningite, ictus ischemico ed emorragico, trombosi del seno venoso ed endotelialite. Nel sistema nervoso periferico COVID-19 è associato a disfunzioni dell’olfatto e del gusto, lesioni muscolari, la sindrome di Guillain-Barre e le sue varianti.

A causa della sua distribuzione mondiale e dei suoi meccanismi patogeni multifattoriali, COVID-19 rappresenta una minaccia globale per l’intero sistema nervoso. Mentre la nostra comprensione della neuropatogenesi della SARS-CoV-2 è ancora incompleta e le nostre conoscenze si stanno evolvendo rapidamente, speriamo che questa revisione fornisca un quadro utile e aiuti i neurologi a comprendere le molte sfaccettature neurologiche di COVID-19.

fonte: https://www.medicine.news/2020-06-13-coronavirus-threatens-the-nervous-system.html
traduzione: M.Cristina Bassi per www.thelivingspirits.net 

VEDI ANCHE

PubMed: l’intestino come organo neurologico.L’importanza del sistema nervoso enterico
Il glutine e i disturbi infiammatori al cervello e sistema nervoso
Vaccini e infiammazione cerebrale
Gli effetti dannosi di stress e ansia sul cervello

Sources  of the the original article include:

Eurekalert.org

OnlineLibrary.Wiley.com

NEJM.org 1

ScienceDirect.com

JAMANetwork.com

NEJM.org 2